Pidocchi, l’abitudine molto diffusa che aumenta il rischio di contagio


Sono ricominciate le scuole ed è tornato l’incubo dei pidocchi. L’infestazione dei pidocchi è una cosa che può capitare e non ha nulla a che fare l’igiene personale. Anzi, i pidocchi tendono a prediligere le teste pulite a quelle sporche. Quindi se sei una mamma e tuo figlio ha preso i pidocchi, non devi sentirti una mamma inadeguata: può capitare a tutti. Perché i pidocchi non fanno differenza e colpiscono chiunque. Visto che l’autunno e la primavera sono le stagioni in cui i pidocchi si diffondono con maggiore facilità, meglio approfondire la questione. Intanto va detto che i pidocchi non sono pericolosi. Fastidiosi, quello sì. E anche tanto. Ma pericolosi no. Ma è vero che se mio figlio prende i pidocchi è praticamente certo che la casa sarà infestata? No. E il motivo è presto spiegato: i pidocchi si nutrono del sangue prelevato da un minuscolo foro praticato sulla pelle dell’ospite. I pidocchi vivono sul corpo umano dove, grazie all’umidità, hanno il loro ambiente ideale. Continua a leggere dopo la foto




Un singolo pidocchio femmina depone le uova due volte al giorno, quattro o cinque per volta, che si schiudono in 7 giorni alla temperatura ideale di 32 °C. L’ambiente circostante non offre un habitat adatto per la loro vita, perciò se qualcuno in casa ha preso i pidocchi non è necessario fare la disinfestazione. Lontano da un umano i pidocchi non sopravvivono più di 48 ore. Però qualche accorgimento è necessario. Per evitare la diffusione dei parassiti è consigliabile lavare a 60 gradi pettini, fermagli, spazzole, sciarpe, cappelli, asciugamani, cuscini, biancheria come federe e lenzuola. Per fare proprio tutto alla perfezione, sarebbe meglio mettere i panni nell’asciugatrice anche solo per 15 minuti. Continua a leggere dopo la foto



L’asciugatrice si rivela salvifica anche per quegli indumenti o oggetti che non possono essere lavati in lavatrice. Considerate che i 50 gradi i pidocchi muoiono in un baleno (10 minuti). È vero che chi ha i pidocchi ha prurito in testa? In genere sì. Ma ci sono bambini che pur avendo un’infestazione seria in testa non si grattano. Per sicurezza, controlla la testa di tuo figlio di tanto in tanto. I pidocchi si possono prevenire? No. L’unico modo per evitare l’infestazione è evitare il contatto diretto testa a testa con altri. Per chi ha i capelli più lunghi conviene legarli, meglio a treccia. Continua a leggere dopo la foto


 

E ora vi diamo una notizia choc: con i selfie rischi di più di prendere i pidocchi. Cosa? Esatto. Quando ci si scatta selfie, le teste si avvicinano e c’è contatto diretto con i capelli: questo è il momento in cui davvero i pidocchi, se ci sono, possono passare da una chioma all’altra e il contagio è assicurato. Questo spiega – tutto vero – come mai sia aumentato così tanto il contagio di pidocchi tra adolescenti. La Oxford University Hospitals NHS Foundation Trust ha preso in esame oltre 200 bambini con telefonino e tablet. Negli ultimi 5 anni quasi la metà di loro (45%) aveva avuto almeno un caso di pediculosi contro l’8% del passato. Tra i più infestati sono risultati essere i ragazzini con cellulare o tablet (62,5%), contro il 29,5% che non lo possedevano.

”Pulci e pidocchi”. L’amatissima vip della televisione italiana racconta con disgusto quell’incubo che sembrava non finire mai. Dopo le sue parole, c’è poco altro da aggiungere