Ebola, ecco come l’Italia si protegge dal terribile virus


L’incubo dell’Ebola ha varcato, già da diverse settimane, il confine della martoriata Africa occidentale. Del resto, vista la grande mobilità umana tra i continenti, è inevitabile che ci sia allarme anche in aree del pianeta che si considerano lontane dai luoghi dell’epidemia. Dopo i casi negli Stati Uniti e in Spagna l’intero Vecchio continente ha paura. Basta poco, si pensa, perché è sufficiente che ci sia un solo malato, magari inconsapevole, per diffondere il virus. Con l’automatico quesito che ci poniamo tutti: siamo eventualmente pronti ad affrontare dei casi di Ebola? Abbiamo strutture e personale adatto? Le autorità rassicurano, ma quando è psicosi può non bastare.

(continua dopo la foto)







Interessante, al riguardo, è un articolo pubblicato sul quotidiano torinese La Stampa, che è la sintesi di un viaggio, una simulazione nei due centri italiani (lo “Spallanzani” di Roma e il “Sacco” di Milano). Cosa accade, quali procedure si attivano quando alle porte di questi due ospedali si presenta un soggetto che al dubbio di avere contratto l’Ebola.

Clicca qui per il collegamento diretto all’articolo

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it