La chiamano “la malattia dell’era moderna” e sta generando grande preoccupazione, ecco cosa accade alle ragazze per colpa di quella mania che hanno (un po’ tutte). E le conseguenze sono disastrose


 

Quella che viene definita da molti la “malattia dell’era moderna”, colpisce almeno il 15% delle giovani tra i 16 ed i 25 anni. Di cosa si tratta? Sono sempre di più le ragazze adolescenti che negli ultimi anni stanno riscontrando un disturbo particolarmente preoccupate: la perdita del ciclo mestruale. Le pesanti irregolarità delle mestruazioni portano inevitabilmente anche ad altri problemi. A provocarla sono lo stress eccessivo, le diete drastiche e la troppa attività sportiva a cui le ragazzine si sottopongono fin da giovanissime nella speranza di raggiungere i loro modelli di bellezza ideali. (Continua a leggere dopo la foto)








In poche sanno, però, che così facendo mettono a rischio la propria salute. A  spingerle verso uno stile di vita tanto insano sarebbe dunque la volontà di essere perfette, perfette secondo i modelli imposti. Secondo Andrea Genazzani, presidente del 17esimo Congresso della Società internazionale di ginecologia endocrinologica, è però possibile guarire grazie ad una terapia ormonale sostitutiva che punta a facilitare la normale ripresa del ciclo. Naturalmente, bisogna seguire una terapia personalizzata e servirsi di un supporto psicologico. (Continua a leggere dopo la foto)




 

In occasione del 17esimo Congresso della Società internazionale di ginecologia endocrinologica, svoltosi a Firenze nel 2016, si è parlato della “malattia dell’era moderna” e si è cercato di far comprendere l’importanza dei contraccettivi, non solo strumenti per impedire le gravidanze e le malattie veneree, ma diventati anche veri e propri farmaci per curare disturbi ginecologici come l’endometriosi. (Continua a leggere dopo la foto)


 

A che età avete avuto il primo ciclo mestruale? Uno studio (un po’ inquietante) spiega che la vostra salute potrebbe dipendere proprio da questo… Ecco che cosa rivela

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it