Scatta una foto al figlio e quando la guarda scopre un particolare in un suo occhio. Il dubbio, la corsa in ospedale e la sconvolgente notizia: ecco cosa era e come è riuscita a salvare il piccolo


Pensava fosse solo uno strano riflesso del flash della macchinetta fotografica, invece il bimbo aveva qualcosa di grave in quell’occhio. Ad accorgersene per prima, naturalmente, è stata la mamma del piccolo Ryder, Andrea Temarantz, un bimbo nato 3 mesi fa, affetto dalla sindrome di Down. Poche settimane fa, la donna ha scattato una foto ricordo al figlio ma, dopo averla osservato bene, ha notato qualcosa di davvero strano nel suo occhio. Ryder ha infatti, come si nota dallo scatto, un puntino bianco nell’iride. Dopo averlo portato d’urgenza ad un controllo da medici specialisti, è arrivata la tragica diagnosi: il bimbo è affetto da un tumore raro e pericolosissimo, chiamato retinoblastoma. “Mio marito pensava che fossi pazza quando ho temuto per la salute di Ryder semplicemente a causa di questa foto. La diagnosi invece mi ha dato ragione”, ha dichiarato Andrea.

(continua dopo la foto)







Per curare il bimbo, le sono state date tre opzioni: rimuovere l’occhio, cominciare la chemioterapia o sottoporlo ad un trattamento specialistico. I genitori hanno optato per la terza soluzione e sperano che le cure possano salvare la vita del piccolo. I dottori ritengono che la malattia sia particolarmente pericolosa ed aggressiva ma, se trattata in tempo, può essere sconfitta. Si complimentano infatti con la mamma per aver notato un dettaglio tanto impercettibile nell’occhio di Ryder. Oggi, l’obiettivo di Andrea è quello di sensibilizzare i genitori di tutto il mondo e far capire che non bisogna mai prendere sotto gamba dei sintomi simili, anche quando all’apparenza sembrano non avere nessun effetto sulla salute di un bimbo. A volte, essere sospettosi e un po’ pignoli, può salvare letteralmente una vita.

Ti potrebbe anche interessare: “Ha un tumore al cervello”, ma con l’operazione la scoperta è horror…

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it