Dai pacchetti alle multe, tempi duri per i fumatori. Dal 2 febbraio in vigore le nuove norme, ecco cosa prevedono


 

Si annunciano tempi sempre più duri per i fumatori. Sono infatti in arrivo nuove regole che stravolgeranno la vita di chi non può fare a meno delle ‘bionde’. Le prime novità del decreto legislativo sui tabacchi entreranno in vigore a partire dal prossimo 2 febbraio.

Oltre a vietare i pacchetti da 10 sigarette, arriveranno multe salate per chi butta i mozziconi a terra, e non si potrà fumare in macchina in presenza di minori e donne incinta. E ancora. Si farà più attenzione alla pubblicità e le scritte che si troveranno sui pacchetti saranno più grandi e di impatto. Ecco alcune delle nuove norme, inserite nel decreto pubblicato in Gazzetta Ufficiale lo scorso 18 gennaio.

(continua dopo la foto)



 

Scritte sui pacchetti ‘Il fumo causa il 90% dei casi di cancro ai polmoni’; ‘Il fumo causa ictus e disabilità’; ‘Il fumo può uccidere il bimbo nel grembo materno’; ‘Il fumo riduce la fertilità’; ‘Il fumo aumenta il rischio di impotenza’. Queste sono solo alcune delle scritte che copriranno tutta la superficie della confezione senza alcun commento o parafrasi o riferimento in qualsivoglia forma.

Minori e sanzioni Per chiunque venda sigarette, tabacco o sigarette elettroniche la sanzione amministrativa pecuniaria va da un minimo di 500 euro a un massimo di 3mila e la sospensione per 15 giorni della licenza all’esercizio dell’attività. Per i recidivi, la multa sale da un minimo di 1.000 euro a un massimo di 8mila e la revoca della licenza all’esercizio dell’attività.

Dove è vietato fumare Non si potrà più accendere una sigaretta in auto se ci sono minorenni o donne incinta. ‘Bionde’ spente vietate anche in prossimità delle “strutture universitarie ospedaliere, dei presidi ospedalieri e degli Istituti di ricerca scientifica e di cura pediatrici e alle pertinenze esterne dei reparti di ginecologia e ostetricia, neonatologia e pediatria delle strutture universitarie ospedaliere e dei presidi ospedalieri e degli IRCCS”.

Mozziconi a terra Chi si libererà della sigaretta finita gettandola in strada potrà essere multato fino a 300 euro. In realtà, con la nuova Finanziaria, una multa potrà toccare a chi a terra butta fazzoletti di carta, scontrini o chewing gum.

Caffeina news by Adnkronos

(www.adnkronos.it)

 

Ti potrebbe interessare anche: Dopo la sigaretta, ecco la canna elettronica. Ed è già polemica