“Non dovete farlo!”. A tavola (ma non solo) lo facciamo tutti. E poi ci lamentiamo della ciccia e dei rotolini dappertutto. Alla fine basta poco per rimanere snelli e in forma: gli esperti confermano tutto


 

È proprio un brutto vizio, lo facciamo di continuo. Vuoi la fretta, vuoi gli impegni, cadiamo sempre nello stesso errore. Ma non solo. Perché le cattive abitudini spesso diventano consuetudini e alla fine anche a tavola ci ritroviamo a scivolare sulla stessa buccia di banana. A chi non è mai capitato di consumare il pranzo o la cena in pochi minuti perché sommerso da mille altri impegni? Si tratta di un’abitudine assolutamente sbagliata che non farebbe altro che mettere a rischio la propria linea. Uno dei motivi per cui sono molte le persone che tendono a ingrassare con una certa facilità è che tutte mangiano con estrema voracità, inghiottendo il cibo in pochi minuti senza avere la possibilità di avvertire il senso di sazietà e continuando a sentirsi affamati anche al termine del pasto. Un recente studio giapponese, però, ha rivelato quali sono i trucchi per dire addio ai chiletti di troppo e a queste cattive abitudini. Secondo uno studio giapponese pubblicato da BMJ Open, coloro che mangiano velocemente hanno più possibilità di andare incontro all’obesità. (continua dopo la foto)








In particolare, sono state tenute sotto controllo le condizioni di salute di 60.000 persone e i risultati sono stati chiari: coloro che consumano i pasti a una velocità normale hanno il 29% di probabilità in meno di diventare obesi rispetto ai “mangiatori veloci”, percentuale che sale al 42% per coloro che si nutrono con lentezza. “Ci vogliono dai 15 ai 20 minuti per dare il via ai meccanismi naturali che comunicano il senso di sazietà, sono processi fisiologici che permettono di riconoscere la pienezza e di sentirsi soddisfatti dal cibo”, ha affermato Ben Desbrow, professore alla Griffith University e uno dei principali autori dello studio. Mangiare lentamente e consapevolmente è il primo passo da compiere per prendersi cura della propria linea ma esistono dei piccoli trucchi per farlo senza sentirsi sotto pressione. (continua dopo le foto)





 


È necessario, ad esempio, masticare un boccone 12 volte prima di ingoiarlo, così da assorbire più velocemente i nutrienti che ci sono nel cibo, oppure evitare di bere durante il pasto. È consigliabile consumare due bicchieri d’acqua circa 20 minuti prima del pranzo o della cena, in modo tale da aiutare gli enzimi digestivi ad avere la forza necessaria per distruggere il cibo. Si dovrebbe dare priorità alla frutta e alla verdura durante i pasti principali e concedersi alcuni snack ricchi di proteine durante la mattinata e il pomeriggio. Da evitare, invece, è l’abitudine di mangiare per combattere lo stress. Solo in questo modo si impererà ad ascoltare il proprio corpo e riconoscere il senso di sazietà.

Ti potrebbe interessare anche: “L’ho fatta così”. La tua cacca è normale? No, se ha queste caratteristiche. Presto, corri dal medico: anche le feci sono un segnale del tumore all’intestino

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it