In genere viene scoperto “per caso”, ma il tumore al rene, di cui solo in Italia si ammalano circa 13.000 persone ogni anno, si manifesta con 3 sintomi ben precisi che tutti devono conoscere. Ecco quando andare dal medico (senza vergognarsi di essere ‘’esagerati’’)


In Italia, ogni anno, circa 13.600 persone si ammalano di tumore al rene, lo riporta il Corriere della Sera. Spesso questo tipo di tumore viene scoperto per caso. “Il 60 per cento dei casi viene individuato casualmente con un’ecografia addominale eseguita per altri motivi e in assenza di sintomi – ha detto Giario Conti, segretario nazionale della Società Italiana di Urologia Oncologica (SIUrO) e responsabile dell’Urologia al Sant’Anna di Como -. È fondamentale farsi curare da un team multidisciplinare (urologo, oncologo, anatomopatologo, radiologo) che elabora il piano di trattamento tenendo conto di vari fattori quali l’età e le condizioni generali del paziente, il tipo e lo stadio del tumore, la presenza di malattie concomitanti ed eventuali farmaci associati”. La buona notizia è che dal tumore al rene si può guarire. “Oltre la metà dei pazienti diagnosticati in fase precoce guarisce completamente – ha aggiunto Conti -: per questo è importante riconoscere i sintomi, che sono sostanzialmente tre: ematuria, ovvero la presenza di sangue nelle urine, che è spesso il primo segno di malattia e può manifestarsi all’improvviso, scomparire spontaneamente per poi ripresentarsi di nuovo; dolore sordo al fianco o spasmi tipo colica, causati dalla presenza di coaguli di sangue lungo la via urinaria (pelvi renale e uretere); presenza di una massa palpabile nella cavità addominale a livello del fianco”. Continua a leggere dopo la foto







C’è anche un’altra cosa da sapere, molto importante: questo tipo di tumore si può prevenire. Fumo, sovrappeso, obesità e ipertensione, infatti, aumentano il rischio di ammalarsi. “Tra i fattori di rischio attualmente conosciuti, si ritiene che il sovrappeso sia alla base del 25% circa dei casi di nuova diagnosi in Europa, con particolare riferimento ai soggetti di sesso femminile – ha spiegato Bracarda, membro del direttivo dell’Associazione Italiana di Oncologia Medica (AIOM) -. Il tabacco sarebbe invece responsabile del 40% circa dei casi, soprattutto negli uomini: il numero di sigarette fumate ogni giorno e il numero di anni di esposizione sono direttamente proporzionali all’aumento del rischio di questa malattia. Anche l’ipertensione arteriosa pare giocare un ruolo importante”. Quindi tenendo alla larga questi fattori si diminuisce il rischio di cancro al rene. In generale, quindi, mantenere uno stile di vita regolare, seguire una dieta sana, fare esercizio fisico sono alcuni degli ingredienti per evitareil rischio oncologico. Continua a leggere dopo le foto

"





 

Ma quali sono i sintomi principali a cui prestare particolare attenzione? All’inizio questo tipo di tumore non dà sintomi. Una delle principali spie è l’ematuria, cioè il sangue nelle urine. Anche la sensazione di avere un peso nel fianco o la comparsa del varicocele nel fianco sono segnali da non sottovalutare. “Per quanto riguarda l’ematuria – ha spiegato Sergio Bracarda, direttore del Dipartimento Oncologico dell’Azienda Usl Toscana Sud-Est di Arezzo, esperto di questa patologia -, è importante ricordare che pur essendo a volte associata alla presenza di tumori del tratto genito-urinario (in particolare rene e vescica) la sua causa più frequente in assoluto è un’infezione. In sua presenza vanno quindi fatti con celerità degli accertamenti per arrivare a una diagnosi appropriata”. Ma come ci si deve comportare se si hanno questi sintomi? Andare dal medico è importante, sarà poi lui a suggerire un’ecografia completa dell’addome. Se anche l’ecografia conferma, va fatta una Tac per valutare l’estensione del tumore.

Tumore al seno, se ne parla di continuo eppure sono ancora pochissime le donne che sanno quali sono i sintomi iniziali della malattia (che colpisce 500.000 persone all’anno). Sono 10 e sono le classiche ”sciocchezze”. Se le riconosci in tempo, però, ti salvi la vita

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it