È il cancro ai polmoni (più di quello al seno o all’utero) a uccidere più donne ogni anno. Il fatto è che si scopre quando ormai si è diffuso in tutto il corpo. Eppure c’è un sintomo banalissimo che compare quando il cancro è ancora relativamente piccolo. Non esitate a rivolgervi al vostro medico


È il cancro ai polmoni – più del cancro al seno, di quello all’utero e di quello alle ovaie – che uccide più donne ogni anno. Questo accade perché non c’è uno screening adeguato a scoprirlo quando è ancora allo stadio iniziale. Così la maggior parte delle pazienti (il 70%) scopre di averlo quando ormai è avanzato e già diffuso in altre parti del corpo. Dolore alla schiena, mal di testa, perdita di peso, fatica sono alcuni dei sintomi di un tumore ai polmoni allo stadio avanzato. Anche il dolore alle ossa è un altro sintomo perché è alle ossa che si diffonde quasi sempre questo tipo di tumore, lo spiega Andrea McKee, del Lahey Hospital a Self. L’oncologo in questione sta dunque lavorando con il suo staff per diffondere la consapevolezza di questo tipo di tumore. Ma, se è vero che molte persone non riscontrano sintomi quando la malattia è allo stadio iniziale, c’è anche da dire che alcuni hanno un sintomo evidente, cioè la tosse cronica. ‘’Ci può essere una tosse persistente anche quando il tumore è relativamente piccolo’’ ha spiegato. Ovviamente diagnosticare un tumore ai polmoni allo stadio iniziale fa la differenza. In termini di sopravvivenza alla malattia. Continua a leggere dopo la foto







Le persone alle quali viene diagnosticato un tumore ai polmoni allo stadio avanzato hanno una possibilità di sopravvivere del 10% circa. Ma, se viene diagnosticato in tempo, la possibilità di sopravvivere sale al 90%. La tosse, tuttavia, non è un sintomo che preoccupa i pazienti. O meglio, chi ha la tosse cronica non pensa subito al cancro. ‘’Non c’è da preoccuparsi – precisa la dottoressa – se la tosse è accompagnata dai classici sintomi influenzali. Ma se la tosse persiste per più di 2 settimane e non è connessa a infezioni virali o batteriche, è meglio consultare un medico’’. Quando la tosse si accompagna a un sanguinamento, probabilmente il tumore è vicino ai bronchi’’. Quindi se tossite sangue, rivolgetevi a un medico. Continua a leggere dopo le foto





 

Marlo Palacios, una paziente 42enne malata di cancro, di Pasadena, California, ha scoperto di avere un tumore ai polmoni proprio grazie alla sua continua tosse: ‘’Pensavo fosse un’influenza, pensavo mi avesse contagiato mio figlio, ma la tosse molto secca non passava mai e sentivo che non era solo un’influenza. Dopo 3 settimane mi sono fatta visitare. Il medico mi ha detto che avevo un tumore al quarto stadio. Sono rimasta scioccata: non avevo mai fumato in vita mia e non potevo credere di essermi ammalata”. Perciò, se avete una tosse ‘’strana’’ che non passa, non esitate a rivolgervi a un medico. La tosse non è l’unico sintomo ma è uno dei sintomi che compare allo stadio iniziale del tumore. ‘’Sarà il vostro medico a fare la diagnosi – potrebbe anche trattarsi di asma, reflusso, o effetti collaterali di qualche farmaco. Ma evitate l’autodiagnosi e parlate con uno specialista’’.

”È un sintomo del cancro”. Compare sul collo, sulle ascelle, sull’inguine e non sembra nulla di che. E invece è molto alto il rischio che sia la spia di un tumore. A cosa prestare attenzione (e quando rivolgersi a uno specialista)

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it