La leucemia: un cancro silenzioso che si manifesta con questi sintomi


Rash cutaneo. Bollicine. Rossore generalizzato. Possono essere tutti i sintomi di una reazione allergica a un nuovo prodotto cosmetico per esempio. In alcuni casi, però, le eruzioni cutanee possono essere il sintomo di qualcosa di ben peggiore: il cancro. Il problema? Le eruzioni cutanee che sono segnale di tumore assomigliano moltissimo ai classici, banali problemi di pelle. E quindi è facile confondere le due cose e non diagnosticare in tempo il tumore.

Per esempio, le eruzioni cutanee cancerose che tendono al rosso, sono molto simili a quelle della psoriasi o dell’eczema, hanno confermato anche gli esperti. Provocano chiazze rosse, prurito, bruciore, pelle secca e screpolata. Questo tipo di eruzione dura più delle normali anomalie temporanee della pelle e aumenterà di dimensioni con il progredire del cancro. Ma l’eruzione cutanea di tipo canceroso non scompare con trattamenti topici come invece accade per le eruzioni cutanee più innocue. ‘’Bisogna trattare questo argomento con molta cautela – ha fatto sapere al Sun Walayat Hussain, portavoce dell’Associazione britannica dei dermatologi – non dobbiamo creare allarme tra le persone ma solo renderle consapevoli”. Continua a leggere dopo la foto



‘’La pelle è come una finestra sul nostro corpo così, quando presenta anomalie, significa che qualcosa, dentro, non va. Se ad esempio in bocca, sulle mani o sui piedi compare un’eruzione di vescicole, quella può stare a indicare la presenza di un cancro. Non un cancro della pelle, ma un cancro in qualche parte del corpo. E infatti se il cancro viene trattato, l’eruzione scompare’’. Ma qual è il cancro che, più frequentemente, provoca eruzioni cutanee? ‘’Il cancro alle pelle’’ risponde sicuro il dermatologo. ‘’Le persone che hanno leucemia o linfoma in genere hanno segni sulla pelle’’. Un rash comune nei pazienti con linfoma è la micosi fungoide. Il linfoma è un cancro del sistema linfatico, cioè il mezzo di connessione tra i tessuti e gli organi che si occupa di eliminare le tossine. Continua a leggere dopo le foto



È particolarmente pericoloso perché le cellule tumorali possono viaggiare nel corpo attraverso il flusso sanguigno. In questo modo le cellule tumorali possono svilupparsi in varie parti del corpo in una sola volta. Una persona che ha il linfoma può sviluppare la micosi fungoide, un’eruzione provocata dalle cellule tumorali che, attraverso il sangue, arrivano agli strati superficiali della pelle. Inizia con delle chiazze rosse che, pian piano, diventano squamose. Dà prurito e somiglia all’eczema. Ma non è finita, purtroppo. La leucemina è il cancro del sangue: parte dal midollo osseo e si diffonde in tutto il corpo. Chi ha la leucemia può sviluppare sul corpo dei puntini rossi. Altra eruzione cutanea associata con il tumore è la dermatomiosite, una malattia che provoca il cambiamento delle unghie, rash cutaneo sul dorso delle mani, specialmente sulle nocche e un’eruzione rossa sulla schiena. Questo rash è associato a vari tipi di cancro. Può comparire anche sulle palpebre, in faccia, sul petto, sui gomiti e sulle ginocchia. Continua a leggere dopo le foto

 

Poi c’è l’acantosis nigricans, che si presenta con chiazze spesse e più scure di pelle, in genere in corrispondenza di ascelle, inguine e collo. Le chiazze si presentano ruvide e secche e possono dare prurito. Anche l’acantosis nigricans è collegata con il cancro. Ma, se è vero che certe eruzioni cutanee sono connesse con il cancro, è anche vero che non è sempre così. ‘’Le più comuni eruzioni cutanee – avverte il medico – non sono cancro. Questo è un messaggio importante che mi sento di dare alle persone. Penso che la cosa importante è che ognuno si rivolga al medico ogni volta che nota qualche anomalia delle pelle. Come avevo detto all’inizio, la nostra pelle è una specie di finestra sul corpo’’.

“Mi faccio asportare il seno a causa del cancro”. Dichiarazione choc dell’ex gieffina che, ospite di Pomeriggio 5, rivela il pericolo che corre. Il racconto toccante della malattia della madre è alla base della decisione. Commozione in studio