”È aumentato del 228%”. Da 30 anni a questa parte, i casi di tumore alla gola sono cresciuti in modo vertiginoso. I ventenni di oggi sono a rischio. Ecco i sintomi cui prestare molta attenzione


La star di Happy Days Erin Moran è morta il 22 aprile 2017 di cancro alla gola che si era diffuso in tutto il corpo. Qualche giorno dopo la sua morte, il marito Steven Fleischmann ha condiviso una lettera contenente i dettagli della diagnosi del cancro della moglie e la sua lunga battaglia. La lettera è stata poi postata su Facebook. Nella lettera, l’uomo racconta come tutto sia iniziato il 23 novembre 2016 quando sua moglie, sul cuscino, trova una macchia di sangue. Lei ha subito pensato di essersi morsa la lingua. Ma la donna continua a trovare sangue sul cuscino ogni mattina, da quel giorno. Così si rende conto che qualcosa non va e controlla la sua bocca allo specchio. Si accorge di avere le tonsille molto gonfie e pensa: ‘’Sarà una tonsillite’’. Allora il marito la porta da un otorinolaringoiatra che le fa un tampone e le dice senza alcun dubbio: ‘’Carcinoma a cellule squamose al quarto stadio’’. Lo choc è immenso ma l’attrice cerca di reagire; si sottopone a chemio e radioterapia ma non c’è nulla da fare: il cancro è troppo aggressivo e lei muore pochi mesi dopo. “Il carcinoma a cellule squamose è il più comune cancro alla gola’’ ha spiegato a Self il dottor Ted Teknos dell’Ohio State University Comprehensive Cancer Center. Continua a leggere dopo la foto









‘’La maggior parte dei tumori del cavo orale – alla gola, al palato, alla lingua o alle tonsille – è a cellule squamose. La connessione con il papilloma virus è molto forte: ben il 70% dei casi di cancro di questo tipo è provocato dal virus, secondo i dati del National Cancer Institute’’. La cosa peggiore è che questo tipo di tumore è in aumento: nel 2017 saranno circa 49.700 le persone che svilupperanno un tumore del cavo orale, è quanto fa sapere l’American Cancer Society. E pensare che un tempo questo tipo di cancro era molto raro e colpiva soprattutto i forti fumatori e bevitori. Ora la causa scatenante principale del cancro alla gola (e dei tumori del cavo orale in generale) è il papilloma virus. ‘’Dal 1980 al 2010 il cancro alla gola è aumentato del 228% principalmente per via del papilloma virus’’ ha fatto sapere il dottor Teknos. Continua a leggere dopo le foto

 








 

I più esposti al virus in questione sono i ventenni che lo contraggono con i contatti intimi, incluso sesso, sesso orale e baci. ‘’Più sei esposto, più rischi di sviluppare qualche male. Non sempre però, per fortuna, il virus porta al cancro’’ spiega il medico. Ma quali sono i sintomi di questo cancro? Se hai 40 anni o di più, i segnali da tenere sotto controllo sono: un’escrescenza non dolorosa sul collo che aumenta di grandezza con il passare del tempo ma anche i linfonodi ingrossati. ‘’Molto spesso il cancro provocato dal papilloma virus inizia dalle tonsille, poi si diffonde ai linfonodi e al collo, diventando sempre più grande’’ spiega il dottore. In tal caso, è sempre bene consultare subito il proprio medico. Ancor prima, però, è bene prevenire: smettere di fumare e di bere e fare il vaccino. ‘’Ogni donna che non ha una relazione stabile dovrebbe vaccinarsi – ha spiegato la dottoressa Lauren Streicher, professore associato presso la Northwestern University Feinberg School of Medicine – è sempre meglio essere protetti e prevenire’’. Le due cose più importanti da fare sono dunque la vaccinazione e il controllo periodico del collo.

Sesso orale: amate farlo e riceverlo. Ma siete sicuri di sapere tutto? I medici avvertono: “I pazienti infettati aumentano ogni anno”. Oltre al piacere, ecco quali sono le conseguenze negative da non sottovalutare

 

 

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it