“Starnutisco ogni volta che ci entro!”. Se l’allergia non vi lascia mai soli e vi perseguita anche in casa c’è qualcosa allora che dovreste assolutamente sapere. Salotto, camera da letto, bagno e cucina: ecco cosa si nasconde dietro questi luoghi


 

Avete mai fatto caso se, arrivati in una stanza o in un luogo specifico della vostra casa, gli starnuti diventano più frequenti? Beh, se così fosse potrebbe esserci una spiegazione tutt’altro che scontata dietro a questo piccolo attacco di allergia. Insomma, siamo davvero sicuri che rimanere a casa ci aiuta a stare lontano dagli allergeni? Ci chiediamo cosa respiriamo, perché nei nostri appartamenti l’inquinamento dell’aria può essere anche superiore a quello esterno. In questa stagione i medici consigliano a chi soffre di allergie di evitare di stare troppo all’aperto, soprattutto la mattina che c’è il picco di polline. Ma non è detto che sia il rimedio migliore, perché l’aria a casa non è sempre sana. “La stanza da letto, il soggiorno e lo studio sono gli ambienti più a rischio all’interno delle nostre dimore. – spiega l’allergologo Antonio Cristaudo, responsabile del servizio di dermatologia allergologica professionale e ambientale dell’Istituto Dermatologico San Gallicano. – Le allergie principali che si presentano tutto l’anno sono quelle agli acari della polvere, agli animali domestici e agli insetti: tutti elementi che stanno dentro casa”. (Continua dopo la foto)







E se anche lo smog di strada ci preoccupa e tentiamo di difenderci come possiamo, quando siamo fra le mura domestiche l’idea di non essere al sicuro non ci sfiora nemmeno. “Eppure dovrebbe, perché basta un po’ di ventilazione per far entrare dentro smog e allergeni esterni”, aggiunge l’esperto. La stanza da letto, ad esempio, può diventare il luogo dei nostri peggiori incubi. (Continua dopo le foto)





 

Una camera che merita massima attenzione: “Insieme al soggiorno è, senza dubbio, la stanza dei tappeti e delle tende: definite le cosiddette ‘acchiappa acari’ – spiega Cristaudo -. La soluzione, pulizia accurata, anche su materassi e cuscini. Occhio poi alla polvere del salotto, quella nascosta sotto al divano e a l mobile, alle muffe che si creano in bagno e in cucina (gli ambienti più umidi insomma). C’è da stare attenti in ogni stanza quindi se si ha il problema di qualche allergia. Occhi aperti e naso allerta.

Ti potrebbe anche interessare: “Trovato nel latte in polvere per mio figlio, disgustoso. Fate giare per favore”. Con questo appello una mamma denuncia quel che è successo. Ma avete capito cos’è? Davvero incredibile, guardate…

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it