Sesso orale: amate farlo e riceverlo. Ma siete sicuri di sapere tutto? I medici avvertono: “I pazienti infettati aumentano ogni anno”. Oltre al piacere, ecco quali sono le conseguenze negative da non sottovalutare


 

Oggi, a un mese esatto dalla più romantica festa degli innamorati, si celebra la Giornata del Sesso Orale. Una ricorrenza che molti ignorano e che sembra sia nata per scherzo negli Stati Uniti in concomitanza con quella della bistecca. L’hastag #GiornataMondialeDelSessoOrale è in cima ai trend di Twitter e l’obiettivo degli organizzatori è parlare proprio di carne. Un eccesso nell’uno o nell’altro ambito può provocare piacere ma anche qualche controindicazione. In particolare, i più giovani e inesperti non conoscono delle regole importanti. Infatti, proprio gli adolescenti sono sempre più a rischio di herpes, sia del tipo 1 (HSV-1), sia del tipo 2 (HSV-2) che colpisce soprattutto i genitali. Secondo una ricerca pubblicata sul “The Journal of Infectious Diseases” le cause dell’aumento delle infezioni sono da ricollegarsi ad una riduzione delle infezioni durante i primi anni di vita, che permettevano all’organismo di sviluppare gli anticorpi. (Continua a leggere dopo la foto)







A dimostrare questa tesi ci sono i dati del Centers for Disease Control and Prevention (CDC) sulla presenza di anticorpi contro HSV-1 e HSV-2 nella fascia di età compresa tra i 14 e i 49 anni. Tra il 2005 e il 2010 tra i 14 e i 19 anni si è registrato un calo degli anticorpi del 23% rispetto ai coetanei del periodo 1999-2004; tra il 20 e il 29 -9%. Dai 30 anni, invece, il livello di anticorpi contro le due forme di herpes torna nei valori del periodo 1999-2004, a dimostrazione della tesi avanzata sul “Journal of Infectious Diseases”.

(Continua a leggere dopo le foto)








 

Secondo alcuni medici, tuttavia, concorre alla precedente causa il sesso orale, più diffuso rispetto al passato perché praticato come rapporto sessuale sicuro rispetto al pericolo rappresentato dall’HIV. Sia nel caso dell’herpes labiale (causata soprattutto dall’HSV-1) che genitale (soprattutto del tipo 2), infatti, il virus può essere trasmesso dall’apparato riproduttivo alla mucosa labiale. Il dott. Marcelo Laufer, specialista di malattie infettive presso il Miami Children’s Hospital, ha ammesso ad HealthDay che “ogni anno la percentuale dei pazienti che si sono infettati di l’HSV-1 attraverso rapporti orali è in aumento”.

Ti potrebbe interessare anche:  Sesso sfrenato in gravidanza. Incinta del terzo figlio, con 16 chili in più, aveva sempre voglia di ”farlo”. Il noto volto della televisione italiana senza peli sulla lingua. Dichiarazioni che scottano…

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it