Nati uniti dall’addome, 9 ore d’intervento per separare 2 gemellini. E alla fine…


Una équipe composta da decine di dottori e nove ore di interventi chirurgici suddivisi in altrettante tappe. Sono i numeri dell’intervento effettuato in Arabia Saudita per separare due gemellini siamesi dello Yemen, Abdullah e Abdulrahman. I piccoli erano nati attaccati e con diversi organi in comune, compreso l’intestino. L’operazione è avvenuta al King Abdulaziz Medical City di Riyadh.

A effettuarla un team di chirurghi guidati dall’ex ministro della Salute, Abdullah Al-Rabeeah, insieme a consulenti in anestesiologia, pediatria, ortopedia, chirurgia plastica e chirurgia del tratto urinario e infermieristico e tecnici. Per dividere i bimbi, infatti, è stato necessario separare le viscere, l’apparato urinario e le ossa del bacino. Prima di intervenire, i medici avevano dato ai piccoli un 60-70% di possibilità di sopravvivenza, Ora, però, grazie alla buona reazione dei bimbi dopo l’intervento, la percentuale è salita: i gemellini sono in netta fase di ripresa nel reparto di terapia intensiva pediatrica dell’ospedale.

Ti potrebbe interessare anche: Gemelle siamesi separate per legge, parla la bambina che si salvò: “Chiedo aiuto a mia sorella”








Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it