Dopo 10 minuti e dopo 10 anni. Scopri cosa succede nel tuo corpo se smetti di fumare


La ricerca scientifica ha confermato che quando si smette di fumare si ottengono molti benefici: a brevissimo, a breve, a medio e a lungo termine. Per liberare il corpo dalla nicotina può passare anche più di un anno, mentre per abbassare il rischio di malattie cardiocircolatorie anche dieci. Buone notizie sono state annunciate per gli ex fumatori: uno studio ha confermato che in coloro che hanno smesso da almeno dieci anni non sono stati osservati segni negativi sul cervello. Ecco un rapido promemoria che potrà incoraggiare chi ha deciso di buttare via il pacchetto di sigarette. (Continua a leggere dopo la foto)







 

1. Dopo 20 minuti. Sembrano pochi minuti ma già qualcosa cambia nell’organismo cambia: la pressione sanguigna migliora, scendono le pulsazioni e la frequenza cardiaca si normalizza.

2. Dopo 8 ore. In questo momento il vostro fisico sta già beneficiando della scelta: i livelli di monossido di carbonio nel sangue, i livelli di ossigeno tornano alla normalità mentre la nicotina diminuisce fino a oltre il 93 per cento.

3. Dopo 24 ore. Anche se questo è il picco dell’intensità dei sintomi da carenza di nicotina (depressione e irritabilità saranno i vostri nemici) il monossido di carbonio viene eliminato dal corpo.

4. Dopo 48 ore. I sensi del gusto e del tatto migliorano: alito, dita, denti e capelli sono più puliti. Il catarro segnala che i polmoni stanno reagendo al cambiamento. (Continua a leggere dopo la foto)






 

5. Dopo 72 ore. Inizierete a respirare meglio anche se, secondo le persone prese in esame, il desiderio di accendere una sigaretta aumenta. Come aumentano l’insonnia e la difficoltà a riposarsi.

6. Dopo un mese. Le ciglia delle vie respiratorie si ricostruiscono, il muco è rimosso dai bronchi. Calano il rischio d’infezioni respiratorie e di ictus (-33 per cento). Dopo 12 mesi. Dimezzato il rischio di infarto. Anche il rischio di tumore cala.

7. Dopo 5 anni. Il rischio di mortalità per tumore polmonare si riduce quasi della metà. Diminuiscono anche il pericolo di cancro all’esofago, al cavo orale e alla vescica.

8. Dopo 10 anni. Il pericolo di contrarre diabete scende ai livelli dei non fumatori e il rischio di tumore si riduce sempre di più (del 40-50 per cento).



Potrebbe anche interessarti:

Il vizio che fa male anche al cervello, ecco perché fumare rende più stupidi

Vietato fumare, ecco tutti i posti (anche all’aperto) dove non sarà più possibile

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it