Non solo telefonate e messaggi, come uno smartphone diventa un laboratorio analisi


L’integrazione tra smartphone e medicina, come in qualsiasi settore, diventa sempre più consistente. Il Dipartimento di Ingegneria della Columbia University di New York ha progettato un congegno che permette di analizzare il sangue per scoprire se contiene tracce di HIV o di sifilide. È un dispositivo che si attacca al cellulare e in 15 minuti esegue un test del sangue. Il dispositivo è comodo e tascabile e funziona con entrambe le piattaforme iOS e Android.

(Continua a leggere dopo la foto)



Dopo una piccola puntura sul polpastrello, si avvia un test che replica tutti i procedimenti dell’esame eseguito in laboratorio, che è in grado di rivelare la presenza di sifilide, sifilide attiva e HIV. L’invenzione degli ingegneri della Columbia sembra essere efficace, oltre che molto economica: la strumentazione utilizzata per il test ELISA costa più di 18mila dollari, mentre questo dispositivo ha un prezzo di 34 dollari. Il prossimo passo, dopo un approfondito studio clinico, è ottenere l’approvazione dell’Organizzazione Mondiale della Sanità. 

Leggi anche: Altro che medicine, contro raffreddore e influenza niente funziona come questa tisana istantanea fai-da-te…