Liberarsi dalla cellulite (e dai chili di troppo) con i carciofi. Ecco come ottenere risultati grandiosi con l’ortaggio del momento


Il carciofo è l’ortaggio ideale per perdere i chili di troppo prima della bella stagione. Ma non è tutto. I carciofi depurano il nostro organismo fino in fondo, tanto da diventare un ingrediente indispensabile per il detox. Questi ortaggi agiscono in modo benefico sulla salute, liberandoci da tossine e scorie e combattendo le disfunzioni del fegato e le malattie cardiovascolari. Ma l’azione benefica del carciofo non si ferma qui, ecco tutte le proprietà che fareste meglio a scoprire per il vostro benessere (antinfiammatorie, antitumorali, anti-colesterolo).

(Continua a leggere dopo la foto…)



1. Proprietà dimagranti 

I carciofi aiutano a sgonfiarti e a perdere i chili di troppo, solo però e consumati all’interno di una dieta sana e abbinando e facendo un po’ di attività fisica. Il carciofo ha potere lassativo e una funzione diuretica che aiuta a depurarti, grazie sopratutto alla fibra che contengono e che contribuisce a regolarizzare l’attività intestinale. Grazie a queste proprietà, le scorie vengono eliminate, e con loro anche i liquidi in eccesso contrastando così ritenzione idrica e cellulite e sgonfiando subito la pancia o più sgonfia. 

2. Una “spa” per il fegato

I carciofi sono da sempre  “manna” per il fegato. Il merito va a una sostanza chiamata cinarina, ovvero un acido fenolico che stimola la produzione di bile. L’ortaggio, in questo modo, diventa un vero e proprio coleretico, e apporta benefici non solo al fegato ma anche a tutto l’apparato digerente. I carciofi sono inoltre ricchi di antiossidanti che contribuiscono a rigenerare la pelle e proteggere le cellule del fegato, aiutando a prevenire degenerazioni potenzialmente pericolose e donare nuovo benessere al fegato affaticato.

3. Un aiuto se mangi troppi grassi

Tra le proprietà più interessanti del carciofo spicca su tutte la sua capacità di diminuire il livello di colesterolo cattivo nel sangue (LDL) e di aumentare, invece, i valori del colesterolo buono (HDL). L’azione anti-trigliceridi alimenta la necessità di consumare in grande quantità carciofi, sopratutto se si segue un regime a basso contenuto di grassi per problemi cardiovascolari o per livelli di colesterolo oltre la norma. Non è finita, i carciofi favoriscono oltretutto la trasformazione del colesterolo in acidi biliari aiutando il fegato a funzionare perfettamente. 

4. Per chi soffre di ipertensione e per proteggere il cuore

Soffrite di ipertensione? Il carciofo è l’ortaggio giusto per contrastare malattie di tipo cardiovascolare. I carciofi regolarizzano la pressione arteriosa grazie ai polifenoli in essi contenuti (tannini), ossia sostanze che conferiscono all’ortaggio anche il suo caratteristico sapore amarognolo. Il carciofo contiene anche l’acido clorogenico, un antiossidante naturale che aiuta a prevenire la formazione di placche aterosclerotiche (favorendo così anche l’abbassamento del livello del colesterolo cattivo e del glucosio). I carciofi proteggono, inoltre, dallo sviluppo di malattie degenerative (come i tumori) a carico di stomaco, pancreas e fegato. 

 

Ti potrebbe interessare anche: Facciamo la dieta del finocchio? In una settimana ti depura, ti sgonfia ma soprattutto ti fa perdere una taglia…