10 mosse per fare un super caffè con la moka


Sapevate che la moka fu inventata in Piemonte da Alfonso Bialetti nel 1933? Il nome rimanda alla città di Moka, nello Yemen, famosa per la qualità del caffè.

Come fare il caffè con la moka lo sanno tutti. Tuttavia ci sono alcuni accorgimenti che messi tutti insieme dovrebbero dare un risultato eccellente. Ognuno ha i suoi e ci aspettiamo di trovarli nei commenti all’articolo.

Ecco i nostri. Iniziamo…

1) L’ideale sarebbe acquistare il caffè in grani e macinarlo al momento ma almeno ricordatevi di conservare il caffè già macinato in barattoli chiusi ermeticamente.

2) L’acqua è il secondo fattore che determina il successo di un caffè: bisogna usare acqua fresca e povera di calcare. Mai impiegare acqua calda per accelerarne la preparazione.

(continua dopo la foto dell’inventore Alfonso Bialetti)






3) Riempire la base con acqua fredda fino al livello della valvola e non oltre altrimenti si otterrà un caffè lungo.

4) Riempire completamente il filtro di caffè macinato, ma senza pressare la polvere (qualcuno, invece, ha l’abitudine di pressare leggermente la miscela e poi fare tre fori con un fiammifero).

5) Stringere bene la caffettiera. 

6) Il fuoco dev’essere lento!

(continua dopo la foto)






7) Appena il caffè comincia ad uscire, alzare immediatamente il coperchio per evitare che la condensa del vapore ricada nel bricco.

8) Togliere la moka dal fuoco subito, non appena il caffè sale. In questo modo si estraggono solo le parti più nobili del caffè.

9) Mescolare il caffè con un cucchiaino prima di versarlo nelle tazzine.

10) Il caffè va bevuto subito! Altrimenti si raffredda e perde il proprio gusto.

Aspettiamo i vostri consigli…

Come si diventa un mito, una mostra celebra la moka e il suo inventore

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it