I migliori 50 vini italiani sotto i 15 euro: si può bere bene senza rovinarsi


E’ il Rosso di Valtellina di Ar.Pe.Pe il miglior vino pop italiano, in cima alla lista di #PopWine, la classifica dei migliori 50 vini italiani sotto i 15 euro. Lo ha deciso la giura di Gazza Golosa, guidata da Pier Bergonzi e Luca Gardini di cui fanno parte anche Alessandro Franceschini, Andrea Grignaffini, Federico Menetto e Marco Tonelli. E gli esperti confermano: si può bere bene e a volte molto bene senza spendere troppo. Per definire i migliori 50 sono state selezionate circa 300 bottiglie di altrettante cantine dell’eccellenza italiana. Come per tutte le classifiche, si tratta di una scelta parziale che può suscitare mille discussioni. Ognuno troverà nell’elenco uno o più vini che ama e lamenterà l’assenza di uno o più vini che avrebbe ritenuto meritevoli.

(continua dopo la foto)







Ecco l’elenco delle migliori bottiglie italiane sotto i 15 euro:

    Rosso di Valtellina 2011, Ar.Pe.Pe
    Nebbiolo Velut Luna 2011, Paride Iaretti
    Grillo 2012, Feudo Maccari
    Verdicchio di Matelica 2012, La Monacesca
    Chianti Classico 2012, Castello di Monsanto
    Montepulciano  d’Abruzzo 2012, Torre dei Beati
    Primitivo di Manduria 2012, Zonin Masseria Altemura
    Franciacorta Cuvée Imperiale Brut, Berlucchi
    Barbera Superiore d’Asti 2011, Michele Chiarlo
    Valpolicella Superiore 2011, La Collina dei Ciliegi
    Friuliano Toc Bas 2012, Ronco del Gelso
    Barbera d’Asti Donna Elena 2010, Cascina delle Rose
    Chianti Rufina Nipozzano 2102, Frescobaldi
    Fiano Minutolo 2013, Polvanera
    Langhe Anas-Cetta 2012, Elvio Cogno
    Rossese di Dolceacqua 2012, Terre Bianche
    Moscato d’Asti Lumine 2013, Ca D’Gal
    Greco di Tufo 2012, Benito Ferrara
    Marche Rosso K’Un 2011, Clara Marcelli
    Etna Bianco Erse 2012, Tenute di Fessina
    Barbera Campo del Marrone 2010, Bruno Verdi
    Verdicchio Castelli di Iesi 2011, Santa Barbara
    Trentodoc Brut, Ferrari F.lli Lunelli
    Vernaccia di San Gimignano 2011, Montenidoli
    Verduno Pelaverga 2012, Fratelli Alessandria
    Vermentino Is Argiolas 2012,. Argiolas
    Cannonau Riserva Dule 2010, Gabbas
    Lambrusco Vecchia Modena 2013, Chiarli
    Vermentino di Gallura 2012, Giogantinu
    Lambrusco Grasparossa, Fattoria Moretto
    Montepulciano Malandrino 2012, Cataldi Madonna
    Nebbiolo Coste della Sesia 2012, Travaglini
    Chianti Colli Fiorentini 2012, San Michele a Torri
    Terlaner Classico 2013, Cantina di Terlano
    Cococciola Unico 2013, Tenute Ulisse
    Lambrusco Sorbara Rimosso 2012, Cantina della Volta
    Falanghina Caracena 2012, Arcipelago Muratori
    Sangiovese di Romagna Ceregio 2012, Zerbina
    Rosato Taranta 2013, Vetrère
    Frappato 2013, Valle dell’Acate
    Etna Rosso 2012, Tenute Terre Nere
    Chianti Classico 2012, Castellinuzza
    Altemasi Brut, Cavit
    Sauvignon 2012, Lis Neris
    Valpolicella Superiore 2010, Allegrini
    Taburno Falanghina 2012, Fontanavecchia
    Chardonnay Le Lave 2012, Bertani
    Prosecco Valdobbiadene 2012, Follador
    Pinot Bianco Schulthauser 2013, San Michele Appiano
    Amarasco Cesanese 2012, Principe Pallavicini

 

7 buone ragioni per bere vino rosso (con moderazione)

Vini italiani, ecco la classifica dei migliori 50

 

 

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it