Ancora dubbi last minute sul menù delle feste? Cenone e pranzo di Natale, ecco le idee dello chef: i suoi antipasti, primi, secondi, contorni e dolci


 

Durante le festività natalizie l’aspetto gastronomico non è certo da sottovalutare: accanto ai piatti della tradizione, che si tramandano di generazione in generazione, non è raro portare in tavola qualche novità, ‘mescolando’ ingredienti e gusti volti a soddisfare i palati dei propri ospiti. Per chi fosse ancora indeciso su cosa presentare a tavola per la propria cena o pranzo natalizio, proponiamo le idee dello chef Vincenzo Di Bella (Associazione Cuochi). “Premettendo che la ristorazione in questi periodi si trasforma e mette a dura prova gli chef che tentano di stimolare i clienti con proposte con dei piatti sempre più particolari e alcune volte portati all’estremo, secondo il mio personale parere la cucina tradizionale resta la più professionale e può essere realizzata con piatti semplici e facili da cucinare. I ‘vecchi’ piatti che ci ha tramandato la tradizione possono essere rivisitati in vista delle festività, rendendoli più leggeri e anche invitanti, non solo al palato ma anche alla vista”. (Continua a leggere dopo la foto)







“Il menù natalizio per tradizione, da Nord a Sud, è quello che fa sedere a tavolo presto e alzare  molto tardi: numerose portate e molteplici pietanze che ogni regione italiana festeggia a modo suo, chi il 24 sera, chi il 25, chi anche il 26 dicembre. Personalmente ho sempre cercato di integrare i vari piatti italiani della tradizione natalizia, alternandoli con ricette più alternative”. Ecco la proposta dello chef Di Bella da portare in tavola per festeggiare il Natale.

(Continua a leggere dopo le foto)





 

Antipasti:

– Petali di salmone marinato agli agrumi e coriandolo con code di gamberi di fiume al lime

– Pesce spada leggermente affumicato  e mousse di polpa di granchio su un letto di insalatina – novella condito con olio extravergine di oliva profumato al cedro

– Terrina di coniglio ai fichi e giovani porri su un letto di songino novello e crema di aceto balsamico tradizionale di Modena

Primi:

– Risotto carnaroli ai cuori di carciofi mantecato burro di malga e formaggio asiago

– Tortellini in brodo di gallina con verdure fresche dell’orto e spolverata di grana padano

Secondi:

– Cappone bollito della tradizione su crema soffice di patate e mostarda di frutta

– Mignon di filetto di manzo bardato allo speck con salsa alle mele renette

Dessert:

– Miascia del lago con salsa al mosto cotto

– Alzatina augurale con frutta secca e fresca natalizia

– Panettone e pandoro con salsa alla crema al profumo di vaniglia

 

Ti potrebbe interessare anche:  “Brutto grassone, se vuoi i regali smettila di ingozzarti come un porco!”. Un Babbo Natale così cattivo non lo avete davvero mai visto: un bimbo di 9 anni sale sulle sue gambe per chiedere dei regali, ma si ritrova in lacrime

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it