Ma è davvero pericoloso? La notizia che riguarda uno dei formaggi più discussi al mondo ha creato scalpore e lasciato tutti bocca aperta. Come stanno veramente le cose (da sapere se lo consumate con leggerezza)


 

“Su casu marzu” è uno dei prodotti tradizionali più amati, ma anche discussi, della Sardegna. Si tratta di un particolare formaggio dal gusto alquanto piccante, che viene comunemente chiamato”formaggio con i vermi“. In sostanza, è un formaggio di pecora (Pecorino sardo o Fiore sardo) che viene “colonizzato” da un moscerino, il dittero piofilide (Phiophila casei), che lascia le sue larve, solitamente nella crosta,  la quale diventa più morbida e dona al formaggio un sapore differente, molto pungente, piccante e originale. 

L’Unione Europea, a causa delle norme igieniche e sanitarie stabilite in sede comunitaria, ne ha vietato la produzione. 

(Continua a leggere dopo la foto)








 

Nel 2009, si è alzato un grosso polverone che ha coinvolto questo particolare formaggio, infatti nell’almanacco del Guinness dei Primati, il casu marzu ha il titolo di formaggio più pericoloso del mondo. Questo titolo ha suscitato le ire del consiglio regionale sardo e di tutta la popolazione, per aver arrecato un danno al patrimonio alimentare sardo per un prodotto che era già incluso tra i prodotti agro-alimentari tradizionali della Regione suscettibili di tutela nazionale.

(Continua a leggere dopo la foto)

Il metodo tradizionale in Sardegna per produrre “Su casu marzu” è il seguente: si mette la forma di pecorino all’aria aspettando che la mosca casearia vi deponga sopra le uova; le larve colonizzeranno tutta la forma, cibandosi del formaggio; quando ormai le larve hanno mangiato tutto il cuore della forma, e sono anche diminuite di numero, la forma viene aperta in due parti, togliendo la parte superiore che appare scavata, ridotta ad un involucro.

La parte inferiore è costituita invece da una crema dal sapore molto particolare e pungente. Per allontanare le ultime larve rimaste si espone per circa un’ora al sole e poi lo si può cominciare a mangiare. 

 Formaggio, arriva uno studio ‘choc’: “Ecco che succede nel nostro corpo quando lo mangiamo”. E questa volta le calorie non c’entrano…

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it