Surgelati di nota azienda ritirati dai supermercati. Ecco perché


 

Orogel ha volontariamente ritirato il prodotto spinaci Cubello in foglia, a causa di alcune anomalie nelle forme e differenze cromatiche riscontrate nel colore della verdura. Si tratta – come spiega il sito Il Fatto Alimentare – di un prodotto considerato il top di gamma per Orogel e quindi più caro rispetto ai concorrenti per via delle caratteristiche merceologiche. 

(Continua a leggere dopo la foto)







 

Nel corso degli abituali controlli eseguiti dal laboratorio interno per verificare la qualità, gli analisti hanno riscontrato la presenza di foglie di spinaci con un colore e una forma diversa da quella fissata negli standard  dall’azienda e per questo il prodotto è stato ritirato.

(Continua a leggere dopo la foto)




Il lotto ritirato, quello L61263F, è distribuito nei supermercati U2-Unes che hanno affisso un cartello informativo. Nulla di preoccupante, il ritiro è a scopo preventivo e si consiglia ai consumatori di restituire il prodotto al punto vendita per la sostituzione. Si tratta di una piccola parte di prodotto distribuito, non ci sono chiari rischi per la salute dei consumatori. 

(Continua a leggere dopo la foto)


Non è la prima volta che aziende e distributori decidono per la rimozione di un prodotto di consumo dai supermercati. Solo qualche settimana fa la nota catena di supermercati Simply aveva ritirato dalla vendita il tonno in quanto alcune scatolette contenevano al proprio interno un corpo estraneo. Sotto accusa erano finite in particolar modo le scatolette 80g x 3 del lotto LP035. Subito era scattato l’allarme sul web, con i clienti impegni nel passaparola virtuale. L’azienda aveva che il richiamo interessava esclusivamente quel lotto e si era scusata per il disagio “arrecato per cause non dipendenti dalla nostra volontà”.

“È pericoloso! Se lo avete in casa, non mangiatelo per nessuna ragione”. L’allarme dell’azienda sulle scatolette di tonno: “Ecco cosa c’è dentro”

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it