Avvolge un avocado nella stagnola, lo mette in forno a 90° e dopo 10 minuti la ”magia”. Ecco come si trasforma il frutto del momento (che fa dimagrire anche se ricco di grassi ”buoni”)


 

Ormai lo sanno tutti: l’avocado fa bene alla salute. È pieno di grassi buoni che fanno miracoli sul corpo e aiuta persino a dimagrire (ma non mangiatene più di uno al giorno). Conseguenza: la vendita degli avocado è cresciuta. Il problema è che gli avocado che troviamo nei nostri supermercati (o nelle frutterie) non sono abbastanza maturi. Sono duri e insapori e difficilissimi (praticamente impossibili) da sbucciare. Vi è capitato di comprare avocado immangiabili? Ecco, se vi capiterà di nuovo saprete come ‘’trattarli’’. Sì, perché esiste un trucchetto per far maturare un avocado in 10 minuti.

(Continua a leggere dopo la foto)








Il trucchetto arriva dal blog WonderHowTo e funziona così: si avvolge un avocado nella stagnola, si piazza in forno a 93° per 10 minuti e il gioco è fatto. Perché matura velocemente in forno? Perché l’avocado rilascia etilene più velocemente, quando è in forno ed è ‘’costretto’’ a maturare in fretta. E il gusto resta invariato? Non proprio. Quindi è meglio usare l’avocado fatto maturare in forno per preparare la salsa guacamole. Un altro metodo per far maturare in fretta un avocado è metterlo in un sacchetto marrone (quelli del pane, per intenderci) insieme a delle mele o delle banane. Basteranno un paio di giorni e il frutto sarà maturo. Questi però sono dei trucchi ‘’blasfemi’’ secondo l’Australian Avocados, che considera mature solo ed esclusivamente gli avocado presi dall’albero. Ma qui da noi non abbiamo la fortuna di cogliere questi frutti e dobbiamo accontentarci. Se hai intenzione di usare solo metà dell’avocado, per evitare che l’altra metà diventi nera, spruzza un po’ di succo di limone (o di lime) sulla parte che non usi così eviterai che si ossidi. 




 

Consumane 3 cucchiaini al giorno (non di più) e, poco dopo, avrai molto meno fame. E sì, perderai quei (malefici) chili di troppo. E tu che pensavi che neanche si mangiasse… Che rivelazione!

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it