Bello questo dolce, vero? E puoi mangiarlo senza alcun rimorso. Il motivo? È preparato con un ingrediente che fa bene alla pelle, combatte la depressione e ha pochissime calorie


 

Se dell’avena consideriamo le proprietà nutrizionali e dimagranti, i benefici e le controindicazioni, ci accorgiamo che questo cereale è veramente straordinario e quindi non dovrebbe mai mancare nella nostra alimentazione. Oltre a fornirci molti carboidrati, è utile per le fibre, per la riduzione del colesterolo, per la formazione delle proteine e può essere consumato anche da chi soffre di celiachia. Ma scopriamone di più: l’avena è davvero una fonte di salute.

(Continua a leggere dopo la foto)








L’avena contiene un tipo di fibra solubile, il betaglucano, che funziona come una spugna. Quando si deposita nell’intestino, il betaglucano intrappola il colesterolo di provenienza alimentare in un gel appiccicoso non assorbibile che attraversa l’intestino portando con sé il colesterolo.

L’impiego dell’avena dà ottimi risultati in caso di depressione, nervosismo, insonnia ed esaurimento fisico o mentale. I chicchi contengono un 60-70% di amido e altri glucidi (carboidrati); un 14% di proteine e un 7% di lipidi (grassi), all’interno dei quali si trova una significativa percentuale di lecitina.

Inoltre, sono presenti vitamine del gruppo B, acido pantotenico, enzimi, minerali (calcio e fosforo), vari oligoelementi e un alcaloide, l’avenina, con effetto tonificante, energetico e riequilibrante del sistema nervoso.

Per continuare a leggere i benefici e la ricetta dei pancake all’avena clicca su next

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it