C’è anche la pizza nel nuovo ristorante di Carlo Cracco, ma ecco quanto costa. Preparatevi alla sorpresa anche prima del conto, però: è una margherita diversa da tutte le altre, non solo per il prezzo


 

Evviva, una pizza stellata! Sì, nel nuovo ristorante di Carlo Cracco, inaugurato di recente in Galleria Vittorio Emanuele II, a Milano, c’è anche un angolo bar-bistrot in cui assaggiare un classico della cucina italiana che difficilmente non incontra i gusti: l’intramontabile pizza margherita. Così, se avete sempre sognato di cenare in un ristorante stellato ma non vi sentite ancora pronti per piatti ricercati, ‘strani’ e lontani dalla tradizione italiana, potrete comunque provare a ordinare una classica pizza. Ma prima di fiondarvi nella nuova location milanese che dopo un’attesa lunga due anni e senza nemmeno una foto ufficiosa o un’indiscrezione fondata ha finalmente aperto i battenti, c’è qualcosa di importante che dovete sapere. Intanto va detto che il bar-bistrot dello chef ed ex giudice di Masterchef ospita circa 20 coperti e, va detto, permette di assaggiare vari snack e pietanze, sorseggiando un drink con prezzi più contenuti rispetto agli standard previsti dai ristoranti di lusso. Esempi: se chiedete dell’acqua pagherete dai 4 ai 7 euro, un caffè vi costerà 3 euro e 50 e una birra si aggira tra i 9 e i16 euro. (Continua dopo la foto)



Il menu della cena, è palese, raggiunge cifre molto più alte. È facilmente immaginabile che i prezzi non siano proprio adatti a tutte le tasche. Il menu degustazione, in ogni caso, dovrebbe costare sui 200 euro. Optiamo, allora, per una pizza? D’accordo, ma per evitare di rimanere impietriti davanti all’eventuale conto, meglio partire avvantaggiati. Dovete sapere che avete a disposizione due opzioni: la pizza margherita e quella con le verdure, entrambe con un prezzo sul menù di “soli” 16 euro (ma coperto e servizio sono inclusi). Una cifra incomparabile con qualsiasi altra pizzeria. Ma la ‘sorpresa’, statene certi, arriverà prima del conto. Perché il cameriere in livrea che servirà il vostro tavolo, non vi porterà una semplice margherita, ma una rivisitazione di Cracco, che è uno degli chef più affascinanti della cucina italiana. (Continua dopo le foto)



 


Si vede già dalle foto che esternamente la pizza di Cracco è diversa da qualsiasi altra margherita abbiate mai ordinato. E infatti gli ingredienti sono diversi dal solito: nell’impasto base si vedono diversi cereali aggiunti alla farina, che costituiscono un insieme disomogeneo, scuro e, come si vedrà all’assaggio, croccante. La salsa di pomodoro San Marzano è molto densa, assomiglia al ragù prevede anche dei pomodorini confit. La mozzarella è di bufala, non fila, sono fette tagliate spesse e disposte come un fiore. A completare il tutto il basilico ma non in foglie. In semi. In sostanza, quindi, non è la classica pizza a cui siamo abituati e non solo per il prezzo. Curiosi adesso di assaggiarla?

Carlo Cracco apre il suo nuovo ristorante: ecco quanto costerà mangiare. Due anni d’attesa e nessun dettaglio trapelato, poi l’inaugurazione in grande stile. E ovviamente la questione prezzi: sorpresi?