Da provare: migliaccio campano, il dolce al semolino dal sapore delicato e dalla consistenza morbida che farà impazzire tutti


 

Il migliaccio è una torta di origini antiche fatta con il semolino, molto popolare in Italia. Le origini di questo dolce sono campane, dove viene preparato soprattutto in occasione del Carnevale. Il miglio, come si intuisce dal nome, è il cereale protagonista nella preparazione di questo dolce povero che è però riuscito a conquistare tutti.

(Continua a leggere dopo la foto)







• 500 millilitri di latte

• 30 grammi di burro

• 170 grammi di zucchero

• quanto basta di scorza di limone

• quanto basta di succo di limone

• 2 bustine di vanillina

• 200 grammi di ricotta

• 3 uova

• 250 grammi di semolino

Preparazione: versate il latte in una pentola capiente. Aggiungete il burro, la buccia del limone e lo zucchero. Mescolate e alzate la fiamma. Portate il latte ad ebollizione, mescolando per sciogliere bene il burro e lo zucchero. Abbassate la fiamma ed aggiungete un po’ di succo di limone. Eliminate la scorza del limone.

Versate il semolino nel lattee mescolate continuamente per qualche minuto, fin quando il semolino non assorbirà tutto il latte. Spegnete il fuoco e fate raffreddare. Aggiungete due bustine di vanillina (oppure i semi di una bacca di vaniglia). Mescolate e lasciate da parte.

In una ciotola versate la ricotta scolata bene. Aggiungete le uova. Lavorate con le fruste elettriche, fino ad ottenere una crema omogenea e liscia.

Unite il semolino freddo alla crema di ricotta e uova e mescolate fin quando non spariscono tutti i grumi. Potete usare anche il mixer alla velocità minima. Quando il composto è pronto, preparate la teglia. Foderatela con la carta da forno e ungete i bordi con il burro. Versate il composto nella teglia e livellatelo bene. Infornate in forno preriscaldato a 180 gradi per 60 minuti. Sfornate, fate raffreddare e servite.

Altro che cioccolato! Ecco i veri responsabili di quei fastidiosi brufoli sul tuo viso

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it