Polpettone, un’esplosione di sapore. È un classico secondo che piace sempre a tutti. Si può preparare in anticipo e riscaldarlo prima di portarlo in tavola: ecco la ricetta per fare quello ripieno


 

Quella del polpettone è una ricetta diffusa nella cucina occidentale e orientale. Comparvero in Francia e Italia a partire dal XV secolo. Col termine “polpettone” si intende un gruppo di ricette abbastanza eterogeneo ma si accomunano tutte per la presenza di carne tritata e, spesso, accompagnata da verdure o ripieni gustosi. Il polpettone appartiene al gruppo delle pietanze o dei piatti unici. L’aspetto può essere di vario genere, ma solitamente si presenta come un grosso panetto di forma allungata o tonda e schiacciata. I È proprio nel 1570 Bartolomeo Scappi illustra polpette e polpettoni in cui le ricette diventano sempre più composite grazie a una manualità di alto profilo, fettine più o meno grandi e spesse ricavate dalla coscia o dal lombo del vitello, steccate con prosciutto, marinate in aceto, spezie e sapa in omaggio al gusto del tempo, cotte allo spiedo e frammezzate a fette di lardo per comporre i polpettoni alla romanesca. (Continua a leggere dopo la foto)






Per il polpettone

500g di carne macinata di manzo

1 uovo

3 cucchiai di parmigiano grattugiato

1/2 panino duro ammollato in un po’ di latte

1/4 di bicchiere di vino bianco

1/2 spicchio d’aglio grattugiato

1/2 mazzetto di prezzemolo tritato

sale e pepe q.b.

Per il ripieno

4 fettine di mozzarella (circa 100g)

2 fette di prosciutto cotto

2-3 cucchiai di pan grattato

Per la cottura

2 cucchiai di olio extra vergine di oliva

1 spicchio d’aglio schiacciato

1 bicchiere di vino

1/2 dado di brodo vegetale sciolto in 1 bicchiere d’acqua

(Continua a leggere dopo la foto)








 

In una ciotola capiente unite: carne macinata, parmigiano, uovo e pane ben strizzato e sbriciolato con le mani. Condite con sale, pepe, aglio grattugiato, prezzemolo e vino impastate con le mani per amalgamare bene tutti gli ingredienti.

1. Trasferite l’impasto su un piatto largo e schiacciatelo così da coprire tutta la superficie. Sistemate la mozzarella e il prosciutto al centro del disco, (come se fosse il diametro del cerchio) quindi arrotolate delicatamente partendo da una delle estremità, formando così un cilindro. Distribuite il pangrattato su tutta la superficie esterna del polpettone, premendo leggermente con le mani in modo che aderisca bene.

2. In una padella del diametro più largo della lunghezza del polpettone, riscaldate l’olio e rosolate l’aglio velocemente e senza farlo bruciare. Aggiungete il polpettone e cuocetelo da tutti lati, girandolo molto delicatamente, fino a quando la superficie prenderà colore. Quindi, bagnate con il vino, alzate la fiamma e lasciate sfumare.

3. Quando il vino si sarà ridotto, aggiungete l’acqua con il brodino, abbassate il fuoco, coprite e cuocete a fuoco dolce per almeno 40 minuti. Negli ultimi 10 minuti, se la salsa fosse ancora troppo liquida, togliete il coperchio e terminate la cottura.

4. Lasciate riposare il polpettone in caldo per almeno 10 minuti prima di portarlo in tavola, accompagnato magari da delle patate o da una semplice insalata verde.

Che buono lo zafferano! Quello che non sai è in quanti modi diversi (e utili) si può usare questa spezia…

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it