Meglio del fast food, 5 regole (semplicissime) per cucinare un hamburger perfetto


Il più delle volte l’hambuger viene associato al junk foof, ovvero cibo spazzatura, anche se, in realtà, basterebbe prepararlo con ingredienti sani e genuini per avere un ottimo e salutare piatto unico. Carne, pomodori, lattura e pane di qualità faranno del vostro hamburger un delizioso pasto, senza aggiungere i sensi di colpa che vi affliggono ogni volta che uscite da un fast food. Ecco come realizzare un hamburger genuino e perfetto:

(Continua a leggere dopo la foto)



1. Carne di qualità. La carne occupa il 99% del gusto, non potete fare a meno di sceglierla davvero di qualità. Un ottimo macinato è formato da tre tipi di tagli di carne diversi: fiocco, collo e controfiletto, sminuzzati con il coltello, a mano. Per restare succosa durante la cottura, la carne deve contenere almeno il 20% di grasso, che può salire anche a 40. Gli hamburger vanno creati a mano, senza stampi.

2. Cottura perfetta. L’hamburger va messo sulla piastra ben calda, senza olio, va cotto circa 2 minuti per lato e va girato una sola volta, senza bucare la carne e senza schiacciarlo (perderebbe i succhi che lasciano la carne umida). Terminata la cottura, potete aggiungere un po’ di formaggio, lasciandolo sciogliere a fiamma spenta, coprendo la piastra o la padella.

3. Pane giusto. Il pane deve essere morbido ma non deve sbriciolarsi, deve assorbire la giusta quantità dei liquidi dei condimenti per non farlo gocciolare, ma non deve “rubarlo” tutto. Prima di assemblare l’hamburger, tagliate in due il pane scelto e lasciatelo sulla piastra per un minuto, giusto prima che l’hamburger completi la cottura.

4. Gli ingredienti fondamentali. Un hamburger che si rispetti va preparato con: pomodori da insalata, non troppo maturi, da tagliare a fette; figlie di lattuga croccante, proporzionate al panino,; formaggio che dia un sapore in più. Il cheddar è il migliore, per l’hamburger, ma potete usare, in alternativa, anche fontina o provola. Non usate formaggi troppo freschi, come la mozzarella, perché sovrasterebbero tutti gli altri sapori con il latte. Per i veri amanti dell’hamburger classico, l’aggiunta immancabile è golosa davvero: fette di bacon, cotte sulla piastra, che danno subito croccantezza al piatto.

5. Altri condimenti. Potete aggiungere, senza eccedere, fettine di cipolla tagliata sottile e cetriolini, ma con moderatezza: sono sapori forti che rischiano di coprire il resto. Le salse, in un hamburger da very gourmet, non sono previste, ma se proprio non potete farne a meno, allora potete aggiungere un po’ di ketchup.