Christmas Blues, cosa è la “depressione natalizia”


Il Natale si avvicina e tu sei sempre più triste? Ti senti giù di morale e la gioia altrui è respingente per te? Sappi che non sei l’unica persona sulla faccia della terra ad avere un rapporto “particolare” con il Natale.

Ogni persona è diversa e, se c’è gente che ama il Natale e quando esso arriva perde la testa, c’è anche gente che preferirebbe che il Natale finisse subito. C’è chi sente forte lo spirito natalizio e chi no. Qualcuno li chiama Grinch, altri proprio non capiscono come si possa respingere la festa della magia per eccellenza, qualcun altro prova a comprendere lo stato d’animo ma non lo condivide. Insomma le persone che a Natale si sentono più triste non sono pienamente comprese e questo non fa che peggiorare quella sorta di depressione latente, quella tristezza, quella insoddisfazione che niente sembra colmare. La conseguenza diretta di questa incomprensione è la comparsa di un maggior senso di inadeguatezza nella persona. Continua a leggere dopo la foto



Queste persone provano un malessere diffuso, tristezza, nostalgia verso il passato, sconforto, ansia, apatia, insonnia e somatizzano tutto. Tutti questi sentimenti si riflettono sul corpo e la persona sente, oltre a una profonda stanchezza mentale, anche una forte stanchezza fisica. Per queste persone il mese di dicembre è un incubo. E, per quanto questa cosa vi potrà risultare assurda, fareste meglio a rispettare i sentimenti altrui. Anche perché questo è un problema vero e proprio. Continua a leggere dopo la foto


Questo problema ha un nome: Christmas Blues, cioè la depressione natalizia. Che non è altro se non la dimostrazione che non si deve essere felici per forza se la maggior parte delle persone lo è. Ognuno ovviamente vive stati d’animo diversi e non è detto che una cosa che fa felice una persona, faccia felici tutti. È vero, il Natale in genere è una festa molto amata, una festa che unisce la famiglia, che fa stare insieme. Ma non tutti gradiscono. Continua a leggere dopo la foto


 


Ma è proprio la famiglia che spesso può essere un problema. Riunioni di famiglia obbligate, rivedere parenti con cui ci sono ostilità, obblighi morali di cui si farebbe a meno: sono tutti fattori che possono scatenare la crisi da Christmas Blues. Cosa fare per tenere a bada il problema? Nel vostro piano natalizio tra riunioni di famiglia e cene infinite, inserite anche dei momenti da dedicare al relax personale. Accetta i sentimenti che prova senza rinnegarli. Se noti che il Christmas Blues compromette le tue attività quotidiane, parlane con uno psicologo: ti aiuterà a gestire lo sconforto e a capire l’origine di questo sentimento.

La ‘tempesta di Natale’. Meteo: tregua finita, maltempo pronto ad abbattersi sull’Italia