Cucciolo, Gattina, Tesorino… Ad alcuni sembrano ridicoli, ma chi non ha mai dato un nome un po’ stupido al proprio partner? Ecco perché accade


 

Perché gli innamorati si danno nomi stupidi? I vezzeggiativi con cui spesso ci si rivolge alla persona amata richiamano quelli che i genitori, soprattutto le mamme, usano con i propri bimbi. Come riporta Focus, questa forma di tenerezza attiva nei piccoli la dopamina, il neurotrasmettitore responsabile della sensazione di benessere che si prova appunto quando si ricevono coccole e attenzioni, sentendosi amati e protetti. E che torna a manifestarsi allo stesso modo in età adulta, quando si è innamorati e corrisposti. Insomma, è tutta questione di emozioni.

(Continua dopo la foto)







(Foto di Mariela Auricchio)

Come sostiene Jean Berko Gleason, psicolinguista dell’Università di Boston, le basi emozionali che si provano nei confronti del proprio partner sono dunque le stesse provate da piccoli verso i propri genitori. Ne consegue che il linguaggio affettuoso esce spontaneo perché frutto dei ricordi infantili e dell’amore ricevuto dalle persone care. Crescendo, continua a evocare intimità e affetto, rispecchiando il sentimento e l’impatto emozionale nei confronti della persona amata, oltre che una buona intesa affettiva di coppia.

Ti potrebbe interessare anche:  Il caso, le coincidenze e tutti gli altri ingredienti magici che fanno sbocciare un amore

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it