Eros, gli italiani sanno davvero soddisfare le donne? Dipende dalla regione: ecco i più focosi e quelli che… lasciamo stare


 

La tendenza è in atto da alcuni anni ma non è uniforme in tutta Italia. E dopo una indagine che fino a pochi anni fa piazzava i maschi piemontesi ai vertici della classifica regionale, tornano ora in auge i siciliani, seguiti a ruota dai romani. La ricerca ”La medicina della sessualità come paradigma del benessere globale”, ha preso in esame 6 regioni italiane Liguria, Toscana, Lazio, Puglia, Sicilia, Piemonte e un campione di 825 maschi e 402 donne.

(Continua a leggere dopo la foto)

 








Il sesso degli uomini piemontesi esce sconfitto perché lascia 4 donne su cinque insoddisfatte a vantaggio dei siciliani (i vincitori), dei laziali (secondi classificati), dei pugliesi (terzi) e dei liguri (penultimi).

Romani passionali ma frettolosi – Caldi e passionali non perdono tempo in chiacchiere e preferiscono andare subito al sodo. D’altra parte, però, i laziali sono poco soddisfatti della loro vita sessuale: circa il 75% non è contento di ciò che accade sotto le lenzuola, soprattutto gli adulti fra i 20 e i 50 anni. L’insoddisfazione è una mina vagante nei rapporti a due: il 62% dei laziali ammette difficoltà di coppia per colpa del suo problema e il Lazio risulta peraltro la regione dove il problema è più sentito dagli uomini. Il 68% si sente insicuro a letto e solo i piemontesi sono ancor meno a proprio agio fra le lenzuola (69%).

Genovesi fra i più frustrati. Fra gli uomini più più consapevoli e quindi più frustrati per i rapporti sessuali da Speedy Gonzales ci sono i liguri con il 76% di casi, superando di gran lunga i laziali, pugliesi e siciliani che invece lamentano insoddisfazione nel 70 e 69%. Il dato diventa più preoccupante quando si giudica la soddisfazione del rapporto sessuale: l’81% dei piemontesi e l’80% dei liguri si dichiara insoddisfatto rispetto al 76% e 75 di laziali e siciliani.

Tenersi stretto un uomo, 7 cose che lo fanno ingelosire parecchio (e lo legano ancor più a te)

 

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it