“Mi candido in politica”. La discussa attrice pensa in grande: l’annuncio che spiazza tutti

Non è la prima volta che il cinema a luci rosse e il mondo della politica entrano in contatto. Ma, ogni volta, è come se lo fosse. Ricordate Ilona Staller, in arte Cicciolina? Lei è stata, davvero, la prima attrice pornografica a sedere tra gli scranni di un parlamento nazionale, il nostro. Era il 1987 e la pornostar di Budapest fu eletta tra le fila del Partito Radicale del compianto Marco Pannella.

Praticamente un’era geologica fa. Da allora di acqua sotto i ponti ne è passata parecchia. Il rapporto tra politica e cittadini si è allentato sempre più. Quello tra cittadini e porno, invece, no. E allora perché non provarci, di nuovo? Stavolta a tentare il salto dai film per adulti ad un ruolo come amministratore pubblico è Tina Ciaco, che molti conosceranno col nome di Priscilla Salerno. (Continua a leggere dopo la foto)


“Per il momento – spiega l’attrice a luci rosse Priscilla Salerno – continuo la mia vita normale a Verona dove risiedo, poi se dovessi vincere le elezioni, mi trasferirò a Salerno. È un sogno che coltivo da quando ero bambina, la politica mi ha sempre affascinato, forse perché da piccola vedevo che le donne non venivano adeguatamente valorizzate, non c’era mai una figura d’eccellenza che emergesse”. (Continua a leggere dopo la foto)

Priscilla Salerno si dice molto vicina alla leader di Fratelli d’Italia, che per lei rappresenta un modello: “Giorgia Meloni prima di tutto, per come si sta comportando, per i principi, i valori che incarna e per quello che dice. È giusta ed è giustiziera. Nel senso che è una combattente, tenace. Ha visto quel professore universitario che l’ha insultata? Lei non l’ha pensato proprio, non l’ha neppure denunciato. Grande. Ci sono vari partiti che mi corteggiano”. (Continua a leggere dopo la foto)

Guai, però, a paragonarla a Cicciolina. Priscilla Salerno bolla la pioniera delle pornostar in politica come una “che non sapeva neanche cos’era il mondo”. Lei, invece, è fiera della sua cultura: “Ci sono ministri senza laurea, incredibile. Mi mancano tre esami per la laurea in Giurisprudenza all’Università di Padova e di recente ho conseguito con mio marito a Miami una minilaurea in lingua spagnola in interior design”.

Ti potrebbe interessare anche: Si è data al porno! Stupore nella politica italiana: lei, giovane e promettente esponente del Pd, molla tutto e sceglie di lavorare con Rocco Siffredi. “Mi piace…”

Pubblicato il alle ore 14:31 Ultima modifica il alle ore 15:10