E niente, Di Maio non ne indovina una ultimamente: l’ennesima gaffe del vicepresidente della Camera è epica. Guardate cosa ha scritto su Facebook qualche ora fa generando l’ironia generale del web. I commenti su Twitter poi, fanno morire dal ridere


Giorni difficili nel M5S e le gaffe, probabilmente dettate dal nervosismo di giornate senza fine, non aiutano. A scivolare su Pinochet, oggi paragonato al premier Matteo Renzi, il vicepresidente della Camera Luigi Di Maio, che posta su Fb un parallelo con cui guadagna presto i titoli delle testate online. Ma commettendo un errore di non poco conto, collocando il dittatore cileno in Venezuela, salvo correggere ben presto l’errore. La Rete però non perdona. Subito su Twitter inizia a rimbalzare la prima versione del testo, prontamente ‘screenshottata’ da alcuni esponenti del Pd, in prima fila Anna Ascani, che sottolinea con pennarello rosso l’errore.

“Magari fra un po’ ci parlerà del cileno Chavez – punge David Sassoli – dell’egiziano Erdogan o dello spagnolo Hollande… #DiMaioshow”. Intanto nello staff comunicazione dei 5 Stelle lo scivolone crea non poca apprensione.

(continua dopo la foto)



 

Tanto che, riferiscono fonti del Movimento all’Adnkronos, ben presto a Roma arriva la telefonata dal quartier generale dei 5 Stelle a Milano, la Casaleggio associati, dove c’è nervosismo “per l’ennesima cappellata” trasformatasi in un vero e proprio assist ai dem: “Possibile che prima di pubblicare nessuno ricontrolli con attenzione i post di Di Maio?”, chiedono con non poco fastidio i vertici milanesi ai comunicatori in servizio in Parlamento.

(continua dopo i tweet)

E mentre l’hashtag #Pinochet entra nei trend topic di Twitter, gli affondi sul vicepresidente della Camera fioccano anche dal centrodestra. “Per Di Maio, Pinochet era venezuelano – cinguetta tra gli altri Massimo Corsaro, di Cor – Ha letto la storia in una mail, ma non l’ha capita. #DiMaioinpeggio”.

Caffeina news by AdnKronos

(www.adnkronos.com)

Ti potrebbe anche interessare: “Di Maio ma che combini?”, è caos per un’infelice dichiarazione del politico grillino. I malati di cancro si ribellano: ecco cosa ha scritto su Facebook. “È una vergogna!”, poi le scuse…