Quanto spende Salvini sui social? Mettetevi comodi, la cifra è da capogiro


Che l’ormai ex-ministro dell’interno abbia fatto della propaganda sui social il proprio cavallo di battaglia non è una novità, Matteo Salvini raccogliendo il sasso lanciato dai vecchi amici pentastellati ha coniugato con successo il concetto di campagna elettorale e campagna pubblicitaria online, arrivando a contare su Facebook ed Instagram milioni e milioni di follower.

Matteo Salvini ha sperimentato per primo la pubblicazione massiva e costante di contenuti. Insieme al suo team di comunicatori si è ritagliato uno spazio in un terreno maldestramente calpestato da altri, arrivando ad accaparrarsi un vero e proprio format comunicativo, adesso maldestramente ‘scopiazzato’ da altri. La campagna elettorale di Salvini per le elezioni europee è probabilmente l’ago della bilancia che ha permesso alla Lega di portarsi a casa oltre il 34% dei voti, oltre ad infinite altre variabili. Ma quanto costano le campagne pubblicitarie sui social? E quanto costano le campagne elettorali sui social? (Continua a leggere dopo la foto)








Dopo il recente scandalo che ha coinvolto Cambridge Analyticai i social network hanno radicalmente modificato i propri standard di trasparenza e proposto protocolli precisi che illustrano come i dati sensibili degli utenti vengono trattati. Tra queste misure, figura un tool lanciato da Facebook che permette, immettendo il nome della pagina Facebook interessata, di sapere quanto e quando quella determinata pagina ha speso su Facebook per i servizi di sponsorizzazione. Quanto ha speso Matteo Salvini? Mettetevi comodi. (Continua a leggere dopo la foto)






Tramite il tool Libreria Inserzioni di Facebook è davvero facile risalire a quanto ha speso l’ex ministro dell’interno per la sua campagna elettorale su Facebook. Selezionando un periodo compreso tra marzo e settembre la cifra è questa: 128.782 euro. Esatto, centoventottomila euro investiti in sponsorizzazioni Facebook per far vedere i propri contenuti a più persone possibile. Questa cifra è imputata quasi totalmente alla campagna elettorale, come emerge da Libreria Inserzioni, avendo Salvini quasi completamente interrotto le sponsorizzazioni dopo i risultati elettorali delle europee. (Continua a leggere dopo la foto)



Naturalmente a questo investimento si sommano tutte le altre forme di promozione sul mercato. Televisione, giornali cartacei e via dicendo. Questa vicenda chiarisce finalmente un concetto: i social network influenzano le campagne elettorali, probabilmente più degli altri mezzi di comunicazione di massa. Il risultato di Salvini può essere il frutto di innumerevoli variabili, ma è anche vero che senza le conferme sulla buona riuscita dell’operazione chiunque si guarderebbe dall’investire oltre centomila euro in un paio di mesi. (Continua a leggere dopo la foto)

E’ importante che Facebook, ed in generale anche le altre piattaforme, operino misure restrittive mirate ad arginare la diffusione incontrollata di contenuti. Questo per evitare il susseguirsi di scandali simil Cambrige Analytica. Ok la propaganda su Facebook, ma con la giusta supervisione.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it