Matteo Salvini, che gaffe! L’ex ministro ‘inciampica’ sulla religione: stavolta l’ha fatta grossa


“Il cuore sacro di Maria”, questa forse è la frase che più di tutte ha contraddistinto le dichiarazioni politiche di Matteo Salvini durante questo ultimo anno in cui è stato ministro degli Interni. Insomma, tra santini e crocifissi baciati Matteo Salvini negli ultimi tempi non ha voluto nascondere la sua svolta cattolica. Spesso si è trovato ad unire la religione al suo ruolo politico, non dimostrandosi però non perfettamente ferrato in materia.

È il caso di un post pubblicato su Twitter: “Mi danno del nazista e si dicono cristiani…Come rispondo? Con le parole di San Matteo: amate i vostri nemici, fate del bene a chi vi odia e pregate per chi vi perseguita e vi calunnia. Amen“. Le parole citate però non sono affatto attribuite a San Matteo, ma a Gesù. In uno dei suoi ultimi tweet, Matteo Salvini ha attaccato duramente Famiglia Cristiana, che in un editoriale lo aveva fortemente criticato. Continua a leggere dopo la foto



“Luciana Lamorgese prefetto riporterà il Viminale ai suoi compiti, che sono quelli di garantire ordine e sicurezza laddove ce n’é veramente bisogno, senza utilizzarlo come strumento di propaganda a colpi di tweet – scrivevano – e senza invelenire il Paese con l’odio verso i migranti, rom e altri poveri disgraziati utili solo per gonfiare la pancia del Paese e a costituire da “nemico” per alimentare la macchina del consenso“. Continua a leggere dopo la foto


Nell’editoriale venivano poi citati Licurgo e Goebbels (il temibile ministro della propaganda nazista, per chi non lo sapesse), accostamenti che non sono certo al diretto interessato. Nel rispondere su Twitter, però, il leader del Carroccio ha fatto confusione attribuendo a San Matteo delle parole tratte, sì, dal vangelo secondo Matteo, ma attribuite in realtà a Gesù: “Amate i vostri nemici, fate del bene a chi vi odia e pregate per chi vi perseguita e vi calunnia”. Continua a leggere dopo la foto


 


Insomma, ancora una volta Salvini si è dimostrato per quello che è, un pericoloso millantatore di notizie non sempre veritiere, atte soltanto a rispondere a tono, gonfiare la pancia del paese e talvolta ad usarle a discapito dei veri cristiani. Ci sarebbe da ridere, ma forse è il caso davvero di preoccuparsi.

Ti potrebbe anche interessare: Le lacrime in diretta di Pierluigi Diaco. È successo durante l’ultima puntata di “Io e te”