Ecco cosa sta succedendo a Matteo Salvini… e a Giuseppe Conte


Quella che doveva essere l’estate dei portenti si è trasformata nella stagione del crollo. Matteo Salvini esce dalla crisi d’agosto ridimensionato dai numeri: netto calo della fiducia in lui da parte degli italiani e flessione dei consensi per la Lega. È quello che i sondaggisti chiamano “effetto Papeete”, ovvero il risultato delle decisioni prese dall’ex ministro dai giorni della vacanza a Milano Marittima in poi. Con una significativa postilla: non è vero, come dice il leader del Carroccio, che “il governo giallo-rosso non rispecchia affatto la maggioranza del Paese”. Le ultime rilevazioni dicono che le percentuali della coalizione di governo sono più o meno analoghe a quelle dell’opposizione.

Alessandra Ghisleri, direttore di Euromedia Research scrive Repubblica, ha condotto un’analisi del sentiment degli elettori nei confronti della crisi: “A prevalere sono stati confusione e rabbia, unite allo sconcerto per non aver capito. Ai più questa rottura del sodalizio gialloverde è apparsa personale, non sui temi. E Salvini ha pagato in termini di fiducia: dal 40 per cento è sceso al 37 ma soprattutto è stato scavalcato dal premier Conte”. Continua dopo la foto



Emg Acqua di Fabrizio Masia ha fatto una prima rilevazione del consenso delle forze politiche, proprio sul finire della crisi: “Il Pd non è distante dal voto delle Europee (22,7%) e dunque non ha subito sconquassi, mentre i 5Stelle hanno avuto un rimbalzo positivo, attestandosi al 19-20%. La Lega è scesa rispetto alle rilevazioni di inizio agosto, dal 38 al 34: ha perso quello che aveva guadagnato dopo il voto per Strasburgo. Fi e Fdi sono entrambe attorno al 7 per cento”. Continua dopo la foto


E soprattutto, conferma Masia, gli ultimi sondaggi testimoniano le perdite di Salvini negli indici di popolarità e fiducia: “Quaranta giorni superavano il 50 per cento. Ora siamo 8 punti più giù. Conte, se non ha superato l’ex ministro, lo ha raggiunto”. Quale fattore ha spinto di più il leader leghista nella sua discesa? “Io credo che Salvini non abbia sofferto semplicemente un errore politico ma con quello abbia perso il suo alone vincente: l’impressione prevalente è che ci sia stato qualcuno più bravo di lui a muovere gli scacchi”. Continua dopo la foto


 


La permanenza all’opposizione logorerà o rafforzerà il capo dei lumbard? “Il sentimento degli italiani cambia presto: se il nuovo governo riesce a realizzare almeno una parte dei 26 punti, se bloccherà l’aumento dell’Iva e inciderà subito su tasse e lavoro, credo che il trend di crescita di Pd e M5S possa accentuarsi”. Attualmente le distanze fra maggioranza e opposizione non sono forti. Secondo Youtrend, che registra da luglio un calo del 4,5% della Lega e una crescita sensibile di M5S (+3) e Pd (+0,9), lo schieramento giallo-rosso è distante di appena 0,4 punti dal centrodestra. Per Demopolis l’alleanza fra dem e grillini, assieme a Leu, potrebbe addirittura essere avanti.

“Il dato certo – commenta Pietro Vento (Demopolis) – è che allo stato attuale Salvini per essere competitivo ha bisogno di Berlusconi. Fino a un mese fa non era così”. Demopolis ha stimato non solo la fiducia in Conte (pari al 53%) ma ha sondato anche il giudizio degli elettori “rosso” e “giallo” nei confronti del nuovo esecutivo: “Lo valuta positivamente il 75 per cento di chi vota il M5S e quasi l’80 per cento degli elettori del Pd. Elemento non scontato: si tratta di due elettorati che, in un mese, hanno modificato in modo significativo orientamento: ha convinto quasi tutti l’obiettivo di evitare il ritorno alle urne”.

Ti potrebbe interessare: Miss Italia, il giallo. C’è la sedia ma Alessandro Greco resta in piedi tutta la sera: ecco perché