Il più grande ribaltone di sempre. In Europa non era mai capitato in passato. Ecco cosa sta succedendo


Alcune recenti indiscrezioni diffuse in queste ore da Dagospia aprono le porte al più grande ribaltone europeo che si sia mai visto. Se nella precedente esperienza di governo ci siamo abituati alle continue bacchettate europee sull’eccessivo debito, pare che la ‘cattedra’ degli affari economici in Europa passerà ad un italiano. Di chi parliamo? Il candidato sostituito pare essere Paolo Gentiloni, un nome forte e influente che sta creando non poca confusione tra le fila del nuovo esecutivo. “Mi dispiace dirlo ma l’indicazione di Gentiloni come Commissario Ue è il primo, si spera uno degli unici, errori del nuovo Governo. Purtroppo non è una scelta del Parlamento ma spero che i nostri ci spieghino il perché di tale decisione e cosa non ha funzionato negli accordi”. Così commenta la vicenda su Facebook Andrea Colletti, un deputato dei pentastellati. (Continua a leggere dopo la foto)



Per il Corriere della Sera è già tutto fatto: Gentiloni al posto di Moscovici. La poltrona di commissario europeo è già noto fosse una delle carte di scambio messe in campo dalle due fazioni alleate. É curioso come il Partito Democratico abbia puntato senza voltarsi indietro all’incarico europeo rinunciando, probabilmente, ad uno o più ministeri. Questo fa capire come l’Italia si stia muovendo verso una nuova veste più europeista, volenterosa di entrare in modo influente e decisivo nel contesto europeo. (Continua a leggere dopo la foto)


Il termine imposto dall’Europa per la nomina del nuovo commissario era inizialmente previsto per fine Agosto. In seguito alla recente crisi di governo, da Bruxelles hanno concesso ulteriore tempo per consentire la designazione di un candidato valido. La mossa Gentiloni chiarifica la posizione Italiana in merito all’Europa, facendo intendere l’interesse della nazione ad occupare un posto di maggior prestigio nelle istituzioni dell’Unione. Insieme a l’ex premier Gentiloni, troviamo schierati nelle fila che andranno ad occupare i banchi europei anche Enzo Amendola e Roberto Gualtieri.