Berlusconi in ospedale, il lupo perde il pelo ma non il vizio. Il medico che lo ha operato: ‘’Ecco cosa ha detto a un’infermiera quando si è svegliato dall’anestesia’’


 

L’intervento su Silvio Berlusconi “si è svolto come previsto, non c’è stata nessuna complicazione ed è stata rimossa la valvola malata”. Così Ottavio Alfieri, primario di cardiochirurgia all’ospedale San Raffaele di Milano, il medico che ieri ha operato l’ex premier. La valvola che è stata impianta, ha aggiunto, è costruita “con cardio-bovino. Sono le migliori con il follow up maggiore e vengono usate su tutti i malati che necessitano di una bio protezione”.

(Continua a leggere dopo la foto)



 

Come previsto, Berlusconi uscirà domani dalla terapia intensiva, poi ci sarà “qualche giorno di attenzione” e inizierà la riabilitazione, ha affermato dal canto suo il medico personale del leader di Fi, l’anestesista Alberto Zangrillo aggiungendo: “Il decorso è assolutamente regolare, migliore che potessimo aspettarci, anche durante la notte”. Poco prima delle 6 “è stata sospesa la sedazione”. Non c’è stata “nessuna complicazione” nelle ore che sono seguite all’intervento.

(Continua a leggere dopo la foto)


“Abbiamo lavorato per metterlo in condizioni di scegliere quello che vorrà fare” in futuro “e lo sceglierà”, ha poi sottolineato Zangrillo dicendo che “è il Silvio Berlusconi di sempre”, che “con una battuta ha fatto i complimenti per l’assistenza ricevuta da un’infermiera di nome Cristina” alla quale avrebbe proposta un’alternativa di lavoro “a Telecinco”. A questo punto, secondo Alfieri sarà il leader di Forza Italia, che resterà ricoverato “fino ai primi di luglio”, a scegliere se continuare la sua esperienza politica: le sue condizioni non glielo impediscono. 

(Continua a leggere dopo la foto)


Sulla possibilità per Berlusconi di tornare in campo per future campagne elettorali, Zangrillo aggiunge: “Se lui dovesse avere questo tipo di determinazione, al netto di quello che potrà capitare – cioè se dovesse avere qualche forma di complicanza che al momento non è assolutamente all’orizzonte – io non ho argomenti per fermarlo e per escluderlo”. Sulla stessa linea Alfieri: “Non mi sentirei di dire che non può fare attività politica” in futuro. “E una cosa che deciderà lui – spiega il cardiochirurgo – E nessuno di noi potrà cambiare la sua decisione, per quel poco che l’ho conosciuto”.

Entrando stamattina all’ospedale, Paolo Berlusconi aveva detto: “Mio fratello è sveglio e lucido”.  “Ho parlato con lui, tutto bene – ha aggiunto – Di spirito è come un uomo che è stato operato, qualche dolore ce l’ha ma è il solito combattente”.

Caffeinanews by AdnKronos

www.adnkronos.it 

Berlusconi in ospedale, ansia per l’ex premier: “È molto più grave del previsto, ecco cosa gli aspetta”. Il bollettino dei medici del San Raffaele