“Una comica”. Rimpatrio dei migranti: com’è andata a finire. 100 poliziotti per 7 clandestini: ecco il risultato


 

Definirla “comica” sarebbe riduttivo. Parliamo dell’operazione di rimpatrio di ben (occhio al numero) 7 tunisini, in cui sono stati impegnato ben oltre 100 poliziotti in un viaggio da odissea. E se già la sproporzione di forze può far riflettere, si aggiunga il fatto che, a causa di un guasto al motore, l’aereo non è partito e l’accompagnamento forzato è stato trasformato in un semplice ordine di lasciare il territorio entro sette giorni: ordine che, si può ragionevolmente pensare, verrà ignorato. Un episodio imbarazzante, per il ministero dell’Interno guidato da Matteo Salvini, che si aggiunge al “no”, pronunciato proprio dalla Tunisia sabato scorso, a “rimpatri lampo” dei propri cittadini con modalità diverse da quelle previste dagli accordi. È successo a Torino: nel pomeriggio 18 poliziotti prelevano 7 tunisini dal Cpr di corso Brunelleschi e verso le 19 si mettono in viaggio con un pullman della polizia: destinazione, l’aeroporto di Fiumicino. Dopo 10 ore di viaggio, per lo più di notte, arrivano allo scalo romano dove è previsto l’arrivo di altri tunisini, scortati da altri poliziotti che sono un centinaio in tutto, partiti in bus da altre città d’Italia. (Continua dopo la foto)







Ma verso le 9 del mattino si scopre che il volo charter con scalo a Palermo e diretto in Tunisia, dedicato al trasferimento degli immigrati, ha un guasto al motore e non può partire. Nell’attesa – durata cinque ore – di capire il da farsi, alle 13 arriva la beffa: ai sette tunisini provenienti da Torino, e ad altri 8 portati da altre città italiane, viene notificato l’ordine del questore di lasciare l’Italia entro una settimana. Così per il gruppo di tunisini è improvvisamente arrivata la libertà. Sono stati immediatamente rilasciati, con l’obbligo formale di andarsene da soli dal Paese in cui vivono da irregolari. (Continua dopo la foto)




Ma cosa succederebbe se venissero di nuovo fermati? Beh, ironia della sorte, rischierebbero quello che hanno appena evitato, ovvero un’espulsione, ma chissà quando e chissà se. I tunisini sono andati in stazione per salire sul primo treno che li riportasse a Torino. E anche i poliziotti, dopo un turno di lavoro di 20 ore, sono tornati a casa, “ma senza che fosse previsto il pagamento delle ore di straordinario notturno” polemizza Eugenio Bravo, segretario generale del Siulp Torino, che ha denunciato l’accaduto. (Continua dopo la foto)


 


Il sindacato dei poliziotti minimizza: “Non è la fine del mondo, purtroppo gli imprevisti non possono essere imputabili a nessuno e tuttavia con il grande impegno della politica che fa l’impossibile per controllare l’immigrazione clandestina, e i salti mortali per siglare accordi bilaterali con i Paesi riluttanti ai rimpatri, assistere a una siffatta débacle dell’espulsione lascia uno scoraggiante retrogusto di improvvisazione e di imbarazzante situazione grottesca. Si sa che nessuno straniero ottempererà all’ordine del questore: rilasciarli, per quanto legittimo, fa venir meno lo sforzo e l’impegno dei poliziotti e rende vani i costi sopportati dallo Stato”. Ma la legge parla chiaro…

Ti potrebbe anche interessare: Salvini, dove sei? 10 richiedenti asilo senza biglietto bloccano il bus. Cosa succede

 

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it