Ilva, la base 5 stelle non ci sta. Contestazioni durissime a Taranto


 

L’Ilva, uno dei temi più spinosi per la classe dirigente. Una sfida anche per il governo giallo-verde ma soprattutto lo è stato e lo è ancora per il Movimento 5 stelle. Perché tutti ricordano le parole di Beppe Grillo, secondo il quale l’intero stabilimento andrebbe chiuso e l’intera area convertita in un qualcosa di diametralmente opposto. Cioè stop all’inquinamento che ha soffocato la città di Taranto e i dintorni ma anche stop a migliaia di posti di lavoro. E, difatti, non pochi sono gli esponenti e parlamentari pentastellati favorevoli alla fine delle attività del polo siderurgico. Ma come, quando? E che fare di quei lavoratori? Domande legittime che non hanno avuto facili risposte. (Continua dopo la foto)




La cronaca di questi giorni è di un vero e proprio dietrofront politico dei grillini al governo. L’Ilva non va più chiusa. Eppure, solo poche settimane fa, l’idea sembrava opposta, tant’è che lo stesso Luigi Di Maio, ministro competente per materia, sventolava presunte irregolarità nell’acquisizione del polo da parte dell’attuale proprietà. Poi il ripensamento. Avanti con l’Ilva. Ma restano i dubbi su come sarà affrontata la vera emergenza, quella ambientale. Ma sono in tanti nella base grillina a continuare a sostenere la necessità di dire basta alle attività del siderurgico pugliese. (Continua dopo la foto)




E difatti c’è stata una durissima contestazione ai Cinque Stelle, durante il sit in dei cittadini di Taranto per chiedere la chiusura dell’Ilva a poche ora dall’accordo firmato a Palazzo Chigi. La protesta si è concretizzata con un attacco quasi fisico alla parlamentare Rosalba De Giorgi, che si è presentata in piazza Della Vittoria ed è dovuta andare via scortata da polizia e carabinieri. (Continua dopo la foto e il video)


 


Da condannare ogni violenza fisica e verbale, ma succede quando grandi cavalli di battaglia con cui si sono vinte le elezioni vengono ‘sacrificati’ sull’altare della politica reale. Il web e l’attività di governo sono due cose diverse. La prima è cosa semplice, la seconda un po’ meno.

Ti potrebbe anche interessare: “Siete avvisati!”. La lettera di Di Maio ai ‘corruttori’ di Italia. Ma è pioggia di critiche. Il motivo