“Salvini e i porti?”. Roberto Fico spiazza tutti: e ora cosa succede nella maggioranza? Bordata del presidente della Camera e reazione ad alta tensione


 

La maggioranza è già in crisi? Un paio di dichiarazioni dei pezzi forti di Movimento 5 Stelle e Lega hanno agitato gli animi della politica italiana. Il Presidente della Camera Roberto Fico, questa mattina in visita all’hotspot di Pozzallo ha detto: “Io i porti non li chiuderei”, in aperta dissonanza con il leader della Lega. Il numero uno di Montecitorio ha quindi aggiunto: “Dell’immigrazione si deve parlare con intelligenza e cuore. Quando si parla di Ong bisogna capire cosa si vuole intendere. Fanno un lavoro straordinario”. Roberto Fico ha quindi espresso la sua solidarietà alle organizzazioni non governative che operano nel soccorso dei migranti, manifestando posizioni decisamente diverse da quelle del “capo politico” del Movimento 5 Stelle, che aveva parlato di “taxi del mare” e del Ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli, che ripetutamente nelle ultime settimane ha attaccato le Ong anche arrivando a interdire l’arrivo nei porti italiani. Il Presidente della Camera ha invece detto: “L’inchiesta di Palermo archiviata, l’inchiesta di Catania da un anno non cava un ragno dal buco. Quindi bisogna capire bene di chi si parla e chi le finanzia, se non si fa cattiva informazione. Le Ong nel Mediterraneo hanno salvato i migranti”. (Continua a leggere dopo la foto)



Riguardo alla situazione nell’hotspot di Pozzallo, Fico ha aggiunto: “Le ong che hanno lavorato qui a Pozzallo hanno fatto lavoro straordinario, me lo hanno confermato il questore, il sindaco e la prefettura”. Della questione migratoria ha parlato però anche Luigi Di Maio, che è tornato a puntare il dito contro l’Europa: “Se questi signori in Europa dopo aver firmato un documento, dopo qualche ora smentiscono quel documento, allora vuol dire che forse dobbiamo rivedere quei 20 miliardi all’anno che gli italiani versano all’Europa”. (Continua a leggere dopo la foto)


Il vicepremier ha aggiunto: “Quella di ieri e un’ottima base di partenza però adesso io mi aspetto dai Paesi che tengano fede alla parola data in quell’atto che è stato firmato ieri da tutti Paesi europei. Se non lo faranno vorrà dire che l’Europa non esiste più”. Salvini: “Decide il governo”. A fine giornata arriva il commento del ministro dell’Interno Matteo Salvini sulle dichiarazioni del presidente della Camera. Il leader del Carroccio chiarisce che quello di Fico è “un suo punto di vista personale”. (Continua a leggere dopo la foto)


 

Il vicepremier leghista allo stesso tempo cerca di smorzare l’impressione che l’esecutivo si possa spaccare sul tema: “Divergenze? Non siamo in una caserma, è giusto che ognuno esprima le proprie idee”, risponde Salvini da Pontida, alla vigilia del raduno del partito. “Poi i ministri fanno i ministri. E quindi le scelte sono quelle che gli italiani stanno toccando con mano da quasi un mese”.

 

Ti potrebbe interessare anche: “Ah, è lei?”. Ecco chi è la sorella di Matteo Salvini. Mai vista? Che differenza…