E Berlusconi annuncia il suo ritorno: “Sono di nuovo in campo per fare un’Italia migliore”


 

Silvio Berlusconi prende la palla al balzo e annuncia: tornerà alla politica attiva. “Ora, archiviata anche questa triste pagina, sono di nuovo in campo per costruire, con Forza Italia e con il centrodestra, un’Italia migliore, più giusta e più libera”, ha affermato il leader di Forza Italia commentando la sentenza di assoluzione per il processo Ruby. “Finalmente la verità. Oggi è una bella giornata per la politica, per la giustizia, per lo stato di diritto. Ero certo che le mie ragioni sarebbero state riconosciute. Rimane però il rammarico per una vicenda che ha fatto innumerevoli danni non solo a me ma a tutti gli italiani”.

(continua dopo la foto)






E ancora: “Ringrazio naturalmente i magistrati che hanno fatto il loro dovere senza farsi condizionare dalle pressioni mediatiche e dagli interessi di parte. Quello che in altri paesi sarebbe scontato in Italia è una prova di coraggio e di indipendenza che merita rispetto e ammirazione”. Il leader di Forza Italia ringrazia avvocati, “persone care”, amici, collaboratori, “i leader politici di tutto il mondo e i milioni di italiani di tutte le fedi politiche, che mi hanno testimoniato stima e rispetto e che non hanno creduto al fango che è stato gettato addosso alla mia persona ma anche alle istituzioni della Repubblica”.

L’ex capo del governo ribadisce, inoltre, di non aver mai avuto nulla da rimproverarsi: “Ero certo che le mie ragioni sarebbero state riconosciute. Rimane però il rammarico per una vicenda che ha fatto innumerevoli danni non solo a me, alla mia famiglia e alle altre persone innocenti coinvolte, ma a tutti gli italiani, alla vita pubblica del nostro paese e alla nostra immagine nel mondo”. E insiste sul suo ritorno in campo “con Forza Italia e con il centrodestra”, raccogliedo una cascata di dichiarazioni in solidarietà di qualsiasi esponente di centrodestra d’Italia. Ma il suo partito, almeno ora, è allo sbando.

Processo Ruby, Berlusconi assolto. Ma i guai non sono finiti…

 

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it