Eros, ma quale sveltina… Ecco le 5 posizioni che lo fanno durare di più


 

Durante il rapporto ci sono alcune posizioni che stimolano più intensamente la donna e meno intensamente l’uomo. Sono posizioni molto utili contro l’eiaculazione precoce. Anche se da sole non possono risolvere completamente il problema, permettono di portare la donna più rapidamente al piacere e di ritardare i tempi dell’uomo. Le migliori posizioni sono quelle in cui la donna è attiva. L’uomo deve assolutamente evitare posizioni faticose perché lo sforzo muscolare fa venire prima i soggetti che già soffrono di questo disturbo. Vediamo quali sono.

(Continua a leggere dopo la foto)








 

1. L’ape. Lui è seduto sul letto con le gambe in avanti, lei si mette sopra, a cavalcioni, dandogli le spalle e può andare e venire verticalmente appoggiandosi sulle mani e le gambe. Lui accompagna il movimento sollevandola dai glutei e dalle cosce.

2. L’amazzone. Seduta o accovacciata sul partner steso a pancia in su, la donna guida, muovendo il corpo secondo il movimento e l’inclinazione che desidera. Può sostenersi poggiando le mani sul petto dell’uomo o inclinando indietro la schiena appoggiando le mani sulle ginocchia del partner.

3. La cavallerizza. Questa posizione è la variante acrobatica della cowgirl: lui si stenderà in modo da poter appoggiare i piedi così che lei possa appoggiarsi sulle sue ginocchia, mentre lo cavalcherà non più appoggiata sulle ginocchia, ma reggendosi sui muscoli delle cosce e effettuando movimenti circolari con il bacino, o i classici su e giù, che mettono a dura prova gli adduttori.

4. La posizione del missionario o con uomo sopra indica la posizione in cui la donna si trova sdraiata sulla schiena (supina) mentre l’uomo gli sta sopra, così da esser l’una di fronte all’altro.

5. La tigre. È una variante del missionario. Lei inarca la schiena, solleva la parte centrale del corpo fino a toccare il partner, allargando le gambe. Questo contatto stimola più la donna che l’uomo.

Potrebbe anche interessarti:

Sesso, la passione si spegne con la giovinezza? No. Ecco quando risorge lo stallone che è in te

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it