“Aiuto, è un mostro!”. Si ritrova davanti a questa strana (e spaventosa) ‘creatura’ mentre fa una passeggiata sulla spiaggia. Non credendo ai suoi occhi scatta una foto e la condivide immediatamente chiedendo a tutti di cosa si tratti


 

Immaginatevi la scena, Melissa Doubleday è una bella ragazza australiana che sta passeggiando tranquillamente sulla sua spiaggia preferita, quella di Muriwai, non lontano da Auckland, nel Nord della Nuova Zelanda. Ad un tratto ecco spuntare tra la sabbia qualcosa di davvero impressionante: “Un mostro marino”, scriverà qualche istante dopo qualcuno su Facebook. La ragazza infatti dopo averlo immortalato, ha postato la foto sul social ricevendo una valanga di commenti, like e condivisioni. “Qualcuno sa dirmi di cosa si tratta? Sembra un gigantesco vermone con delle strane squame impressionanti. È appena stato ‘sputato’ dal mare. Vi prego aiutatemi”, ha scritto in descrizione. Qui ha suscitato la curiosità di molti utenti che si sono sbizzarriti in supposizioni fantasiose circa la natura del ritrovamento: alcuni hanno pensato a una canoa Maori antichissima, altri ad un tricheco, altri ancora addirittura ad un alieno. (Continua dopo la foto)

Ma non c’è niente di misterioso in quel curioso oggetto, nulla di tutto quello che è stato detto è vero, hanno spiegato alla Guardia costiera di Auckland. Il “mostro di Muriwai”, in realtà, non è altro che un tronco finito nell’oceano e sul quale si sono incollati migliaia di Percebes una specie di crostaceo della classe dei Cirripedi, soliti nell’incrostarsi sotto natanti e boe che si attaccano anche ad animali di grandi dimensioni come balene e tartarughe marine.

(Continua dopo la foto)

 

Il fatto curioso è che il mare ne è pieno di oggetti del genere, non sono di certo una rarità, ma dopo la scossa fortissima di terremoto da 7.8 gradi della scala Richter di novembre, il fondale marino della parte sud dell’isola è stato rialzato di almeno due metri, portando a riva davvero di tutto, persino “mostri marini” come questo.

Ti potrebbe anche interessare: “Eccolo, abbiamo trovato il mostro di Loch Ness”. E spunta un video creato con tecnologie ultramoderne. Nuove “certezze” su uno dei misteri più affascinanti della storia