Tutti con gli occhi all’insù, arriva la super Luna, l’ultima volta 70 anni fa. Uno spettacolo visibile anche in Italia. La data del fenomeno astronomico più atteso dell’anno


 

Tutti con lo sguardo all’insù. Arriva la super Luna. Data prevista, il 14 novembre quando il nostro satellite entrerà nella fase di Luna piena circa un paio d’ore dopo il perigeo. Non è un evento raro (accade circa una volta all’anno) e neppure nefasto (come molti complottisti tendono a credere), e nessuna strega verrà a tirarvi piedi. Alle 12:24 ore italiane, infatti, la Luna si troverà alla minima distanza dalla Terra, 356.511 km. Poco meno di due ore e mezza più tardi, alle 14:52 ore italiane, il nostro satellite raggiungerà il culmine della fase di Luna piena. Non solo si tratterà della Luna piena più vicina alla Terra del 2016, ma sarà anche la più grande Luna piena visibile da 70 anni: l’ultima così si è verificata nel 1948, e la prossima arriverà il 25 novembre 2034. Una Luna piena al perigeo può risultare il 14% più grande e il 30% più brillante di una Luna piena in apogeo, ma non è sempre facile notare la differenza.

(continua dopo la foto)








 

La luminosità può essere schermata dalle nuvole o annullata dalle luci delle città; e senza riferimenti reali in cielo per “prendere le misure”, anche il vantaggio in termini di diametro angolare (cioè la misura del suo diametro rispetto alla distanza dall’osservatore) rischia di perdersi. Una Luna molto vicina all’orizzonte e a punti di riferimento terrestri (come alberi o case), per esempio, risulta apparentemente molto grande anche se in apogeo, come si può vedere in queste foto di Super Lune di qualche tempo fa.

(continua dopo la foto)

 

 






 

Poiché questa super Luna sembrerà il 12% più grande delle altre Lune piene al perigeo, gli appassionati di fotografia potranno provare a fotografarla e a comparare lo scatto con altri di super Lune precedenti o successive (a parità di contesto e strumentazione). La differenza si dovrebbe notare, ed è anche un’ottima occasione per fotografare il nostro satellite. Il primo termine di paragone utile sarà quello del 14 dicembre 2016. Quella super Luna, anche se non esagerata come quella che sta per arrivare, sarà notevole per un altro aspetto: con la sua luminosità oscurerà in parte lo sciame meteorico delle Geminidi.

Superluna, ecco perché. La prossima solo nel 2034

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it