Torna il caldo e anche le mosche, pronte a invadere le nostre case. Insopportabili, fastidiose e sempre intorno. Ma ora basta, ecco come tenerle lontane


 

Un vecchio proverbio recita secco: “Dio ha fatto le mosche, poi si è scordato il perché”. Dopo secoli di domande, la risposta l’ha data la biologia. O meglio, ha tentato di darla, perché a conti fatti le mosche restano più una piaga che un ingranaggio fondamentale nel meraviglioso e fragile ingranaggio che regola la macchina della natura. Per esempio, vi è mai capitato di stare seduto sotto un porticato chiuso da un verde glicine, o dentro la vostra stessa casa, a mangiare una fetta d’anguria e improvvisamente essere preso d’assalto dalle mosche? Ecco, per evitare di muovervi costantemente come la coda di un cavallo, ecco qualche piccolo rimedio che vi eviterà di trasformare la vostra casa in una camera a gas con pesticidi e prodotti chimici. Il primo rimedio è il basilico. Il suo profumo infatti è tra gli odori che più infastidiscono le zanzare: munitevi quindi di qualche piantina da posizionare sulle finestre, in particolare quelle della cucina e le mosche non entreranno! (Continua dopo la foto)







Secondo rimedio: limone e garofano. Un mix di profumi letale per le mosche che, non appena sentiranno l’odore, fuggiranno come gli spettatori dall’Aladdin di Derry. Posizionate dunque nelle stanze delle fette dil imone con incastrati dei chiodi di garofano e: la vostra casa profumerà e le mosche scapperanno! Punto, tre: il prezioso pepe. Come gli altri anche questa spezie è sgradita alle mosche: versate dei grani di pepe in delle ciotoline da posizionare in giro per la casa e le mosche non si faranno più vedere! (Continua dopo le foto)






 



 

Infine, aceto e menta. Lasciate macerare le foglie di menta fresca in un barattolo di aceto per circa una settimana. Trascorso questo periodo aggiungete dell’acqua e spruzzate per tutta la casa: le mosche non apprezzeranno questo profumo e scapperanno! Tutto chiaro? Non vi resta che provare.

Aiuto le zanzare! Ma adesso vengono in aiuto addirittura i droni. Ecco come…

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it