paolo-pietrangeli-morto-cantante-regista

“Ciao, Paolo”. Lutto nella tv italiana, addio al regista di Maria De Filippi e Maurizio Costanzo

Lutto nel mondo della canzone d’autore. È morto Paolo Pietrangeli, cantautore, regista e voce della canzone politica. Pietrangeli aveva 76 anni ed era romano. Era figlio d’arte Pietrangeli, nato dall’amore tra il regista Antonio Pietrangeli e Margherita Ferrone. Conosciuto maggiormente negli ambienti della sinistra, Pietrangeli inizia a scrivere negli anni ’60. Poco dopo alcune delle sue canzoni divengono popolari all’interno dei movimenti giovanili di sinistra a partire dalle agitazioni del 1968. Due in particolare: “Valle Giulia” e, soprattutto, “Contessa”, entrambe incise con la seconda voce della collega Giovanna Marini.

Una delle ultime apparizioni pubbliche di Paolo Pietrangeli è avvenuta negli studi romani di La7, ospite di Propaganda Live. Diego Bianchi, grande estimatore dell’artista, lo aveva invitato a maggio 2019. Nell’occasione aveva cantato i suoi maggiori successi in diretta, per la gioia del pubblico in sala. Pietrangeli oltretutto era stato premiato lo scorso ottobre al premio Tenco e per l’occasione Altan gli aveva dedicato un disegno proprio ricordando Contessa.

paolo-pietrangeli-morto-cantante-regista

Tuttavia, Paolo Pietrangeli, già da tempo molto malato, non era però potuto interventire per ritirare il premio. Il Club Tenco aveva scritto per l’occasione: “L’esuberanza e il fervore giovanile che all’età di vent’anni gli hanno ispirato Contessa hanno creato di lui l’immagine di un autore esclusivamente orientato a inni roboanti.


paolo-pietrangeli-morto-cantante-regista

Nulla di più lontano dalla sua vera vena poetica, costruita casomai sulla bonaria ironia e sul dubbio continuo in grado di rimettere in discussione ogni verità che si ritiene assoluta”. Paolo Pietrangeli era però anche un regista e prima di diventarlo anche aiuto regista di Mauro Bolognini sul set di L’assoluto naturale (1969), di Luchino Visconti in Morte a Venezia (1971) e di Federico Fellini per Roma (1972).

paolo-pietrangeli-morto-cantante-regista

Nel 1974 Paolo Pietrangeli è ancora aiuto regista con Paul Morrissey in due film ispirati da Andy Warhol: Flesh for Frankenstein e Blood for Dracula. Per anni poi è stato al timone del “Maurizio Costanzo Show”, trasmesso dal teatro Parioli di Roma, una collaborazione longeva e bellissima la loro. Sua la regia anche di “Amici” di Maria De Filippi. Addio, allora.

Pubblicato il alle ore 14:56 Ultima modifica il alle ore 14:56