Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di
Luis Miguel assassinato uomini sostituito

“Lui è morto, questo è un sosia”. La tesi sul cantante che ha fatto impazzire il pubblico italiano

  • Musica

Luis Miguel assassinato da tre uomini e sostituito. Nel 1985 il giovane Luis Miguel Gallego Basteri arriva a Sanremo con “Noi, ragazzi di oggi” e con il suo fascino conquista il pubblico femminile italiano. A 15 anni riesce a conquistare il secondo posto del Festival ma ben presto è finito nell’oblio.

Mentre in Italia Luis Miguel non è riuscito a bissare il successo del brano sanremese, in America Latina la sua stella non si è mai spenta e come spesso capita con gli artisti, anche lui è finito nel mirino del gossip per una bizzarra teoria di Deseret Tavares, una veggente colombiana, secondo la quale Luis Miguel sarebbe stato assassinato da tre uomini e sostituito.

Luis Miguel assassinato uomini sostituito


Luis Miguel assassinato da tre uomini e sostituito

Come ricorda Leggo, già nel 2019 la veggente aveva parlato di Luis Miguel, del suo assassinio e della sostituzione con un suo sosia. “Vedo (nelle carte) che Luis Miguel – le sue parole al programma americano True Secret – è morto da molto tempo. Già dall’inizio dell’anno 2000 le carte lo indicavano come morto”, ha detto la veggente.

Luis Miguel assassinato uomini sostituito

“E le carte indicano anche che è stato sostituito molte volte e che il Luis Miguel degli anni ’80 è stato assassinato da un gruppo di tre uomini, soprattutto da un politico o un uomo di potere che ne ha ordinato l’uccisione violenta”, la ricostruzione dei fatti di Deseret Tavares. Secondo la ricostruzione del web la morte di Luis Miguel sarebbe avvenuta a causa della sua relazione una ragazza di nome Cecilia, figlia di Carlos Salinas de Gortari, presidente del Messico tra il 1988 e il 1994.

Sarebbe stato proprio il politico a ordinare l’assassinio di Luis Miguel e la sua sostituzione con un sosia argentino, che in passato lo avrebbe sostituto anche in un concerto. “Le carte – ha concluso la veggente – indicano un grande disaccordo e mostrano anche che c’erano due uomini mandati a uccidere il cantante dopo averlo picchiato. Lo sfigurarono e lo uccisero. Allo stesso modo, le carte dicono che Luis Miguel è stato colpito a morte al fegato”. Ovviamente si tratta solo di una tesi e al momento Luis Miguel non è intervenuto per commentare la notizia.

“Ritrovata dopo 35 anni!”. Chi l’ha visto?, l’annuncio di Federica Sciarelli in diretta: “Ecco dov’è, ci sono le immagini”