“Purtroppo è incurabile”. La confessione in lacrime del cantante sulla salute della moglie

Da 45 anni sono insieme. Lei ereditiera, lui simbolo intramontabile di una stagione leggendaria del rock. Tre anni fa, dopo una serie di controlli, la terribile diagnosi caduta su di lei: Alzheimer. Da quel giorno è iniziata una battaglia silenziosa che oggi la coppia combatte. Il cantante ne ha parlato a Good Morning Britain della battaglia di sua moglie contro l’Alzheimer. “Non la abbandonerò mai”, ha spiegato. “È arrivato tutto insieme, molto in fretta – ha spiegato Lydon – i dottori mi chiedono ‘quando sono cominciati i sintomi?’”.


“Ma io non saprei dirglielo, mia moglie è stato sempre il tipo di persona che perdeva le chiavi. Sono davvero questi gli indizi della malattia? Nora riesce ricordare tutti i dettagli di fatti avvenuti 20 anni fa – ha aggiunto – Una cosa affascinante. Tutto ciò per me è un viaggio che devo fare, non la abbandonerò”. Lui è John Lydon, conosciuto anche come Johnny Rotten, leader dei sex pistols che ha sposato Nora Forster nel 1979.

John Lydon


John Lydon ha scelto di occuparsi della moglie a tempo pieno, in prima persona, pur accettando che la sua condizione è “incurabile” e “non migliorerà mai”. I due sono sposati da anni, e il segreto della loro felicità era “discutere”, come ha più volte detto Lydon. Ma la malattia è stata “un’inaspettata benedizione – aveva spiegato precedentemente il cantante – perché ci ha uniti ancora di più”.


John Lydon


“Sarebbe stato facile andare via e dire che non era una mia responsabilità. Ma noi abbiamo preso un impegno che è per sempre – ha concluso – sono fiero di fare il meglio che posso per lei”. Fortunatamente, ha aggiunto John Lydon, ci sono i mezzi economici per badare a lei, visto che da quando la malattia è peggiorata Nora ha provocato due incendi in casa loro.

John Lydon


John Lydon, è un cantante britannico, voce del gruppo punk rock dei Sex Pistols e del gruppo post-punk Public Image Ltd. La sua carismatica personalità e l’eccentrico modo di vestire portarono il manager dei Sex Pistols, Malcolm McLaren, a chiedergli di entrare nella band in qualità di frontman. Con i Pistols pubblicò diversi singoli (incluse le celeberrime Anarchy in the U.K., God Save the Queen e Pretty Vacant), tutte canzoni con testi scritti di suo pugno che crearono scandalo e scompiglio in tutta la società britannica dell’epoca

Pubblicato il alle ore 13:40 Ultima modifica il alle ore 13:41