Il cantante è morto per questo assurdo motivo, ecco le cause fino ad ora avvolte nel mistero. Importanti rivelazioni fanno luce sulla scomparsa dell’artista

 

Abbiamo pianto tutti la morte dell’artista multiforme, l’incredibile e poliedrico musicista, Prince autore di brani indimenticabili come “Purple rain” e “Nothing compares 2 U”, che faranno per sempre parte delle nostre colonne sonore. La superstar della musica leggera era stata trovata morta in un ascensore all’interno del complesso di Paisley Park, sua residenza nel sobborgo di Chanhassen, alle porte di Minneapolis lo scorso 21 aprile. Alle 9:43 di quella mattina, come è stato detto dalle autorità locali, l’ufficio dello sceriffo Jim Olson della contea di Carver ha ricevuto una chiamata d’emergenza. I soccorsi sono arrivati con un’ambulanza qualche minuto dopo, ma i tentativi di rianimazione si sono rivelati vani e Prince viene dichiarato morto alle 10:07. Aveva 57 anni. Oggi arrivano nuove ed importanti novità che riguardano la sua morte, fino ad ora avvolta in un’ombra di mistero.
(Continua leggere dopo la foto)


{loadposition intext}
L’artista americano sarebbe morto per un’overdose di oppiacei. Lo ha affermato l’agenzia di stampa americana Associated Press che cita fonti delle forze dell’ordine. Ancora da chiarire se la dose letale di oppiacei sia dovuta a una prescrizione errata di un medico o se sia stata assunta dal cantante per sua stessa iniziativa.
(Continua leggere dopo la foto)


L’ipotesi dell’overdose circolava già da tempo e, tra le tante, era quella maggiormente presa in considerazione dagli inquirenti, a seguito dell’autopsia e dopo aver escluso l’ipotesi che Prince possa essersi suicidato. Le indagini, inoltre, sono ancora concentrate su alcuni medici in particolare, che avevano in cura il cantante e che potrebbero avergli prescritto dosi eccessive di antidolorifici. Prince, infatti, aveva iniziato a prendere oppiacei per alleviare il dolore procuratogli da un intervento chirurgico subito alcuni anni fa.
(Continua leggere dopo la foto)

In base ad una seconda ricostruzione, secondo il sito TMZ che ha divulgato per primo la notizia del decesso, sembra che nei sei giorni antecedenti alla morte, l’artista era stato sottoposto ad un trattamento urgente (chiamato tecnicamente “save shot”) per un’overdose da oppiacei. Al momento, pertanto, al centro dell’indagine degli investigatori, che hanno parlato in modo riservato con Associated Press, ci sono questi aspetti alla base delle cause della morte del musicista. Quindi, gli esami sono indirizzati ad accertare definitivamente se Prince è morto per un’overdose di droghe o a causa di un abuso delle medicine che gli erano state prescritte nelle ultime settimane di vita dal suo medico curante.

Ti potrebbe interessare anche: “Prendeva frusta e manette e poi…”. L’incredibile rivelazione sul passato di Prince che sconvolge i fan. Un racconto hot inedito che sta facendo discutere

Pubblicato il alle ore 19:43 Ultima modifica il alle ore 11:51