“L’ha fatto prima di morire”. Gianni Nazzaro, viene fuori solo ora. Un gesto d’amore profondo

Gianni Nazzaro era nato a Napoli il 27 ottobre 1948. Cantante e attore aveva partecipato al Festival di Sanremo nel 1983 con il brano “Mi sono innamorato di mia moglie”, scritto da Daniele Pace, che ottenne un buon successo di pubblico. Si ripresenta a Sanremo nell’87, ma stavolta la sua canzone “Perdere l’amore” non viene scelta. Per uno strano scherzo del destino lo stesso brano sarà portato al Festival l’anno successivo da Massimo Ranieri che vincerà la kermesse.


Gianni Nazzaro si è spento all’ospedale Policlinico Gemelli di Roma dove era ricoverato per un tumore ai polmoni. La notizia della sua morte è stata data dalla moglie Nada Ovcina all’Adnkronos. Nada, la prima moglie, e una delle donne della sua vita. La lasciò la moglie per stare con Catherine Frank, poi tornò da Nada, che gli ha dato due figli: Giovanni Junior nel 1973 e Giorgia nel 1976. Anche con l’ex indossatrice francese sono arrivati due figli, Davide e Mattia. Nel 2016 ha ripreso la relazione con la moglie dopo un grave incidente stradale in Francia nel quale perse un rene e rischiò la paralisi.

Gianni Nazzaro


Gianni Nazzaro, una vita per la musica

Nada, oltre ad essere stata la sua compagna, è stata anche sua manager e addetta stampa. Nada che sul letto di morte Gianni Nazzaro ha voluto risposare. “Lui e io eravamo divorziati e ogni tanto progettavamo di risposarci. Quando le sue condizioni si sono irrimediabilmente aggravate, Gianni mi ha chiesto di diventare sua moglie”.


Gianni Nazzaro


“Un matrimonio in extremis, celebrato alle tre del mattino in una stanza di ospedale. Ma mi ha regalato un attimo di felicità: l’ultimo, purtroppo, che rende il nostro legame eterno e indistruttibile”. Lo aveva confessato nel corso dell’ultima intervista in cui Gianni Nazzaro ha anche parlato dell’amarezza di aver chiesto l’eutanasia senza ottenerla. Poi, ha rimarcato come il mondo dello spettacolo gli abbia voltato le spalle negli ultimi anni.

Gianni Nazzaro


“Avrei voluto tornare al Festival di Sanremo, ma sono stato messo da parte a favore di artisti spesso privi di talento”. Infine, ha chiarito perché ha ritenuto opportuno rilasciare un’intervista pur sapendo che ormai gli restava poco da vivere: “È per me una prova di coraggio. Da artista voglio uscire di scena nel migliore dei modi. Non voglio essere rimpiato o, peggio, riscoperto: se avevo doti bisognava riconoscermele da vivo”.

Pubblicato il alle ore 18:40 Ultima modifica il alle ore 18:40